Fontana Jet d’eau, Ginevra (Shutterstock.com)

LifeGate ci mostra il lato sostenibile della città bella svizzera, laddove a tagliare l’erba nei parchi ci pensano le pecore

Ginevra, definita la “metropoli più piccola del mondo”, immersa tra le vicine cime alpine e le colline del Giura, si trova nell’insenatura in cui il Rodano lascia il Lago Lemano. Grazie alla sua politica ambientale, Ginevra è l’ideale per una vacanza all’insegna della sostenibilità. A tal proposito la testata giornalistica LifeGate ha stilato una lista di luoghi e attrattive da non perdere se si decide di trascorrere anche solo un weekend in questa splendida città: Jet d’eau, Parc La Grange e Parc des Eaux-Vives. 

Il lago

Simbolo di Ginevra è il Jet d’eau, una fontana sul lago il cui getto crea una colonna d’acqua alta 140 metri. Da qui si può partire per un tour della città e del suo lato sostenibile scoprendo che è proprio dal lago che la città ricava l’80% della sua acqua potabile. Inoltre, con il progetto GeniLac, l’acqua del lago viene utilizzata per raffreddare e riscaldare gli edifici della città, dal palazzo dell’Onu all’aeroporto internazionale al Mandarin Oriental Hotel, riducendo così le emissioni complessive cittadine di CO2 dell’80%.

Il verde pubblico

Ginevra è la quinta città al mondo per area verde pro capite, che rappresenta in totale il 20% del territorio. Se il Giardino botanico è stato convertito nel 2015 alla coltivazione esclusivamente biologica, diventando il primo ente pubblico svizzero ad ottenere la certificazione Bio Suisse, passeggiando nel Parc La Grange si possono incontrare roseti, prati fioriti, alveari e persino un gruppo di pecore che si occupano di tagliare l’erba durante l’estate, un’iniziativa che rientra nel programma Urbanature il cui scopo è di riportare la natura in città.

Prolungamento del Parc La Grange è il Parc des Eaux-Vives dove si possono ammirare alberi importanti come pini e sequoie e dove la gestione ecologica del verde favorisce la biodiversità con siti di riproduzione di insetti e sfalci tardivi dell’erba ai bordi. Dal 2020 il parco comprende una spiaggia pubblica sul lago lunga 400 metri, dove è possibile nuotare e rilassarsi a pochi minuti dal centro cittadino e dove un canneto tra la spiaggia e la battigia favorisce la nidificazione degli uccelli. 

Leggi anche:

Weekend sostenibile a Ginevra, l’altro volto della città
Weekend sostenibile a Ginevra: il centro storico e i dintorni