giochi bambini
giochi bambini (shutterstock.com)

Per i più piccoli le lunghe ore passate d’estate sul sedile posteriore della macchina o durante la fatidica attesa per il bagno dopo lo spuntino sulla spiaggia, significano solo una cosa: una noia mortale! Se come genitori siete inseguiti dall’immancabile “quando siamo arrivati?” o dal classico “e addesso posso entrare in acqua?” Ecco tre giochi da fare usando solo la fantasia.

Il curato sta arrivando per il tè

Nel cuore dello Yorkshire, Mrs. Sidmouth sta aspettando il curato per servirgli il tè. Ogni cosa dovrà essere pulita e perfetta per l’arrivo del pastore… salvo che oggi sembra andare tutto storto. Proprio tutto. Ed è sempre peggio.
Un gioco di “mock epic” (epica beffarda) dove i partecipanti proporranno un’escalation di problemi sempre più gravi a Mrs. Sidmouth.

Scopo del gioco

Questo un è un roleplaying poem per 2 o più giocatori, della durata di circa 15 minuti.

Uno di voi interpreterà il ruolo di Mirs Sidmouth, perfetta signora inglese la cui unica preoccupazione in gioco è quella di assicurare che tutto sia in ordine perfetto quando il curato arriverà per il tè.

Gli altri giocatori sono responsabili dell’introduzione di ostacoli nella storia, con l’obiettivo di impedire a Mrs. Sidmouth di fare buona impressione sul curato. Questi ostacoli all’inizio saranno di natura triviale, per poi diventare via via più gravi man man che il gioco progredisce.

Come si gioca

Mrs. Sidmouth comincia il gioco nominando UNA azione che sta facendo per prepararsi all’arrivo del curato. Esempi: prendere la sua tazza preferita dall’armadio, riempire la tazza di acqua, ecc. Potete descriverla a parole o alzarvi in piedi e recitarla con gesti e parole.

Il giocatore numero 2 narra un ostacolo all’azione dichiarata da Mrs. Sidmouth. Esempi: la tazza preferita è impolverata; il coperchio della teiera sembra incastrato. Ricordatevi di cominciare con un ostacolo molto banale.

Mrs. Sidmouth deve rispondere aggirando o risolvendo l’ostacolo: “Lavo la tazza nel lavandino, “Forzo il coperchio con un cacciavite”.

Il giocatore numero 3 aggiunge un ulteriore ostacolo, sempre della stessa gravità: “Lavi la tazza ma ti accorgi che tutti gli strofinacci sono in lavatrice: hai quindi una tazza pulita ma bagnata!”, “Forzando il coperchio lo scheggi leggermente”.

Di nuovo Mrs. Sidmouth risponde per risolvere o aggirare l’ostacolo: “Metto la tazza sul davanzale ad asciugare al sole”, “Metto un pizzo sul coperchio perché non si noti la sbeccatura”.

L’autore del gioco è Kevin Barthaud

Il ritorno del cavaliere

Un gioco di ruolo brevissimo sul ritorno di un cavaliere dopo che ha ucciso un drago. I ruoli sono tre: il cavaliere, la principessa e il re.

Come si gioca

1 Il cavaliere

Il cavaliere è appena tornato dall’uccisione di un drago. La morte del drago era una condizione posta dal re per concedere la mano di sua figlia in matrimonio.

Decidi se il cavaliere ha effettivamente ucciso il drago (magari ha strappato un accordo). In ogni caso, quando la scena si apre il cavaliere sosterrà di averlo ucciso. In aggiunta, decidi anche se il cavaliere ama la principessa.

2 Il re

Il re ha mandato il cavaliere a uccidere il drago credendo che il cavaliere sarebbe morto. Il re resterà scettico qualsiasi cosa dica il cavaliere, e porrà a quest’ultimo dubbi e domande su tutta la sua storia.

3 La principessa

La principessa è il ruolo con maggiore flessibilità. Se giochi la principessa devi fare diverse scelte. La principessa vuole sposare il cavaliere? Lo ama? Come si sente rispetto al fatto che suo padre ha mandato il cavaliere a sconfiggere il drago?

Il gioco:

Ora che avete le motivazioni e i desideri di tutti i personaggi, giocate la scena restando nel personaggio. La scena e il gioco terminano quando un personaggio qualsiasi esce dalla stanza.

L’autore del gioco è Dave Cleaver

Cena in famiglia

Cena in famiglia è un gioco di ruolo breve per 4 giocatori. Giocherete tutti i membri di un’unica famiglia.

Decidete chi interpreterà i genitori e chi i figli. Quanto sono grandi i figli? Sono entrambi maschi, entrambe femmine, un maschio e una femmina? Chi è il più grande? Fatevi abbastanza domande in modo da farvi tutti un’idea su chi sono le persone che giocherete.

Ora ognuno di voi deve scrivere su un bigliettino un segreto, che il vostro personaggio non vorrebbe fosse noto ad almeno un altro dei famigliari. Scrivetelo in forma di frase e non rivelatelo a nessuno. Nel bigliettino puoi inventare i nomi di altri personaggi che non sono parte della famiglia: nello scrivere il segreto riferisciti a questi personaggi chiamandoli per nome.

Ora strappa il bigliettino in tre parti e scrivi il nome del tuo personaggio in cima a ogni frammento. Dai un frammento a ciascuno degli altri famigliari.

La scena si apre sulla famiglia riunita a tavola per la cena. La scena si sviluppa con la famiglia che chiacchiera di com’è andata la giornata. Usate i tre frammenti di indizio sui segreti degli altri famigliari per ficcanasare, fare domande o pronunciare asserzioni innocenti su com’è andata la loro giornata. In personaggio sentitevi liberi di essere evasivi, ma manifestate chiaramente agli altri personaggi quando state mentendo su qualcosa.

Inoltre, se in un qualsiasi momento le ricostruzioni e le ipotesi degli altri famigliari rivelano un segreto migliore di quello che avevi pensato inizialmente, sentiti libero di ammettere quello più bello.

Il gioco finisce quando tutti i segreti sono stati rivelati. A questo punto giocate una breve chiusa se la ritenete necessaria.

L’autore del gioco è  Dave Cleaver