civetta stupita
civetta stupita (shutterstock.com)

Il secondo libro del biologo Graziano Ciocca, Bufale bestiali. Perché gli animali non sono quelli che crediamo, diverte e istruisce con la sua giusta alchimia di scienza e cultura pop.

Continua la nostra selezione dei migliori libri di narrativa, saggi e serie tv sul mondo green. Oggi proponiamo il divertente e brillante libro di Graziano Ciocca, divulgatore scientifico laureato in Ecologia ed Evoluzione, dal 2009 presidente di G.Eco associazione che si occupa di diffusione della cultura scientifica nelle scuole e con il grande pubblico.

Bufale bestiali. Perché gli animali non sono quelli che crediamo. Un viaggio attraverso tutti i miti, le credenze errate sugli animali. Le zanzare sono attratte dalla luce? No! E i lupi ululano alla luna? Purtroppo no! E’ solo una credenza culturale.

“È vero che il lupo ulula alla luna? E che gli struzzi nascondono la testa sotto la sabbia? Gli elefanti hanno sul serio paura dei topi? La risposta è no. No e poi no. Grosso errore. Sbagliatissimo. Di qualsiasi animale si tratti, stai pur certo che esiste almeno una frottola al suo riguardo, diffusa dai cartoni animati, da un antico filosofo greco o da un manipolo di marinai perditempo. Per fortuna la scienza e l’osservazione della natura ci vengono in soccorso e ci aiutano a svelare la verità nascosta dietro alle bufale e a guardare con stupore e rispetto gli organismi che ci circondano.

Tra scorpioni in Europa e lemming della Groenlandia, cavalli di nome Hans ed elefanti sdentati, superpoteri affibbiati a caso e naturalisti fanatici, una pazza e divertente avventura alla scoperta dei protagonisti del Regno Animale.

Il bel progetto editoriale di Graziano Ciocca, biologo smontabufale, ha il pregio di erudire intrecciando la fantasia legata al mondo animale (spesso nutrita da credenze secolari) al metodo scientifico. Il risultato è riuscire a vivere la scoperta dei misteri del mondo animale con il giusto bagaglio di conoscenze. La divulgazione scientifica con il giusto pizzico di cultura pop è il metodo migliore per avvicinarsi a un approccio più scientifico al mondo naturale.

Graziano Ciocca ha rilasciato ad Adnkronos un’imperdibile intervista leggendola si entra subito nello stimolante mondo delle smentite scientifiche alle credenze diffuse sugli animali, come quella, a cui spettano lo scettro e la corona della bufala più bufala di tutte, che le zanzare siano attirate dalla luce.

“Le zanzare non sono attratte dalla luce ma -chiarisce il biologo- dall’odore che noi emettiamo e dall’anidride carbonica che immettiamo nell’aria con il nostro respiro.

Ciocca, spiega ad Adnkronos: “E’ la fake news più sentita ed é quella che ci riguarda più da vicino visto che le zanzare le abbiamo tutti in casa” avverte. “La zanzara é uno degli animali più letali per l’uomo perché vettore di malattie gravi, è quello su cui sono state fatte più ricerche per eliminare il più possibile gli effetti sulla salute di questi insetti”.

“Le zanzare non sono attratte dalla luce ma -chiarisce il biologo- dall’odore che noi emettiamo e dall’anidride carbonica che immettiamo nell’aria con il nostro respiro, l’odore del nostro sebo e dalla comunità microbica che vive sulla nostra pelle”.

Le zanzare in generale che sono notturne, e anche la zanzara tigre, continua Ciocca, “hanno un olfatto molto sviluppato e le trappole luminose non solo non servono a nulla, ma sono dannose per l’ecosistema perché uccidono tutti gli altri insetti che veramente sono attratti dalla luce”.

Un libro imperdibile! Per info rimandiamo alla pagina dell’editore DeA