libri_bambini
shutterstock.com

Nato nel 2003 il portale Librogame’s Land è oggi un punto di riferimento per il settore della narrativa ergodica ovvero quella narrativa che richiede sforzi non superficiali per permettere al lettore di “attraversare” il testo. I “libri game” stanno vivendo un vero e proprio rinascimento trainati dalle nuove generazioni di videogames e di videogiocatori.

Chat vocali su Discord, live su Twitch, party composti da grandi e piccini per giocare in multiplayer fino ai libri da leggere con gomma e matita, disegnando mappe e calcolando punti vitali. Il mondo del gaming fonde nuovo e vecchio in creative nuove soluzioni d’intrattenimento culturale.

Il nuovo incontra il vecchio in questa attuale rivoluzione culturale che vede i videogiochi (un tempo osteggiati per la loro presunta impronta nociva sulla crescita intellettuale e sull’apprendimento) assoluti protagonisti. Dal primato didattico di Minecraft, che grazie alla sua versatilità è uno strumento eccezionale per l’uso scolastico, alla recente adozione, per la prima volta nella storia della scuola europea, di un videogames come materiale di studio nel programma ministeriale. E’ il caso di This War On Mine. In questo quadro una scintilla pronta a diventare una vampa culturale è quella innescata dalla comunità nata intorno al portale Librogame’s Land.

Nato come una “miniera di informazioni, immagini e riferimenti bibliografici per i nostalgici dei librogame o per chi volesse interessarsi ex novo al fenomeno”, grazie al lavoro della comunità riunitasi attorno al creatore del sito Francesco Di Lazzaro.

Librogame’s Land è diventato una “vera enciclopedia sui libri interattivi che si è andata completando e arricchendo man mano di contenuti nei suoi primi anni di vita”. Una volta raggiunta l’esaustività sulle 34 serie edite dalla EL e sulle altre collane degli anni Ottanta e Novanta, il sito ha però deciso di cambiare filosofia, diventando portale attivo, creatore di nuovi contenuti, nel tentativo di ridare slancio al fenomeno soffiando sulle ceneri al tempo quasi del tutto sopite per far scoccare nuovamente una scintilla. In quest’ottica si inquadra la nascita (nel 2006) di due vere e proprie colonne del sito, il periodico mensile Librogame’s Land Magazine e la collana di librigioco inediti e liberamente scaricabili, chiamata in modo eloquente “LibriNostri“.

E proprio in questa collana esordisce oggi un libro simbolo del contesto editoriale che stiamo vivendo. Uno scenario che vede i giovani e i giovanissimi in cima alla classifica dei lettori più forti e i videogames, con tutta la cultura e l’immaginario che orbita intorno ad essi, uno degli ingredienti principali dei libri più amati dai piccoli lettori. A riprova basta controllare la classifica Amazon dei libri per young readers più venduti, dove troviamo in testa diversi testi nati sulla rete. E’ il caso, soprattutto, dello youtuber Lion ma in questo rientra anche il fenomeno Me Contro Te.

L’ultimo gioiello di casa Librogame’s Land è infatti un libro scritto da un giovane, anzi giovanissimo. Emanuele Cappelli ha infatti solo otto anni. Un libro scritto da un bambino per gli altri bambini, espressione della forza della comunità di lettori/gamers. Il libro è il primo di una collana pensata proprio per rendere la comunità dei più piccoli ancora più forte, ovvero Kid 2 Kid che va ad aggiungersi alle molte già pubblicate da LGL. Questa però è diversa da tutte le altre perché ha una particolarità veramente rivoluzionaria: gli autori della collana infatti sono tutti bambini, under 14 alle prese con i loro primi lavori interattivi.

Per il volume di esordio: Shyguy VS Bowser, il giovanissimo Emanuele Cappelli (che non ha ancora 8 anni) si è ispirato ai suoi personaggi preferiti del mondo dei videogiochi per creare un’avventura di 33 paragrafi in cui viene “simulato” uno scontro tra il timido Shyguy e il cattivissimo Bowser. In appendice al libro anche alcuni disegni tutti da colorare (ovviamente dopo averli stampati dal pdf gratuitamente scaricabile). L’opera è stata editata e impaginata da Marco Zamanni, mentre tutte le illustrazioni sono assolutamente autografe e realizzate da Ken Falco. Trovate il volume in formato digitale nella sezione LibriNostri dell’editore. Per domande e commenti vi rimandiamo alla pagina Facebook di LGL o al thread dedicato sul forum.

Un piccolo fenomeno che nasconde un grande significato, in questa operazione editoriale possiamo infatti scorgere gli ingredienti principali nella creazione di un’editoria dal basso che porta avanti i valori della condivisione, dello scambio culturale tra differenti fasce d’età, che contribuisce a rendere più forti le comunità di lettori utilizzando la leva perfetta, la passionedi avventurarsi grazie alla fantasia nei regni nascosti del gioco e del divertimento. Se vuoi continuare ad approfondire il fenomeno libri game ed editoria clicca qui per leggere l’articolo Il librogame, da gioco per giovani lettori ad avventura per “umanisti sul lastrico”.