(Okrasiuk/shutterstock.com)

Grazie ad Una buona occasione, l’app che insegna a cucinare e conservare gli avanzi, potremo dire finalmente addio agli sprechi

L’importanza di non sprecare il cibo ormai è nota a tutti. Non passa giorno in cui giornali, radio, tv e social non ci bombardino di messaggi che ci ricordano di fare ciascuno il proprio dovere per combattere questo problema. Che dobbiamo evitare gli sprechi ormai è chiaro, ma come? Non tutti conoscono metodi efficienti ed efficaci, che permettano di gestire al meglio gli avanzi o di disporre correttamente i prodotti in dispensa o in frigorifero, evitando che vadano a male prima del tempo.

Fortunatamente ora possiamo contare sull’aiuto di Una buona occasione (o UBO), una app disponibile sia per iOS che per Android. Questa applicazioni ha numerose funzioni, utilissime a chi non ha alcuna nozione riguardante la conservazione o l’utilizzo del cibo avanzato, ma anche a chi, spesso di fretta, pone poca attenzione alla scadenza di ciò che acquista. Con UBO infatti potremo:

  • Avere consigli, notizie e suggerimenti su come, dove e per quanto tempo conservare più di 500 alimenti (da quelli crudi a quelli cotti, da quelli sfusi a quelli preconfezionati);
  • Avere indicazioni sulla quantità corretta di porzioni da consumare, con relativo apporto calorico;
  • Conoscere le proprietà nutrizionali e l’apporto idrico di ciascun alimento;
  • Farci consigliare metodi e ricette, al fine di riutilizzare avanzi e scarti;
  • Avere informazioni riguardo la stagionalità di frutta e verdura, imparando a rispettare la crescita naturale di ciascun prodotto;
  • Essere avvisati ogni qualvolta un alimento, da noi acquistato, sta arrivando alla sua data di scadenza;
  • Avere dei consigli su cosa poter acquistare;
  • Avere l’opportunità di mettersi in contatto con un esperto per ulteriori domande o chiarimenti.

Una buona occasione è stata sviluppata dalle Regioni Piemonte e Valle d’Aosta, grazie alla partecipazione di esperti dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta. Si può scaricare dallo store del proprio cellulare, in maniera gratuita.