(shutterstock.com)

Tycho Brahe e Aurora sono attualmente i traghetti elettrici più grandi al mondo, operativi su un percorso ad alta intensità nello Stretto di Oresund

La ForSea, azienda svedese operante nel campo marittimo, ha da poco convertito due unità di inquinanti traghetti a diesel in traghetti elettrici alimentati a batterie. Si tratta di Tycho Brahe e Aurora che, a seguito del cambiamento, hanno ora ottenuto il record di più grandi traghetti elettrici esistenti.

Lo stretto

I due mezzi operano nello Stretto di Oresund (tra Svezia e Danimarca) e che fanno la spola tra Helsingborg (Svezia) e Helsingor (Danimarca), un percorso di 4 chilometri ogni anno frequentato da oltre 7 milioni di passeggeri e quasi 2 milioni di veicoli, con attraversamenti ogni 15 minuti nell’arco della giornata.

I mezzi

Tycho e Aurora montano batterie di potenza pari a 4,16 MegaWatt su ogni traghetto. Secondo quanto dichiarato dall’ingegnere capo della ForSea, Christian Andersson, i tempi di connessione sono stati ottimizzati grazie all’impiego della robotica industriale e delle comunicazioni wireless, e hanno reso possibile ricariche molto veloci: meno di 6 minuti per la ricarica in Danimarca e 9 minuti per quella in Svezia. L’energia delle batterie, dichiara ForSea, è stata ottenuta esclusivamente da energie rinnovabili, più precisamente dalle forze del vento e dell’acqua.

Risultati

Il progetto ha consentito di evitare ogni anno l’immissione in atmosfera di circa 28.000 tonnellate di biossido di carbonio, con impatti positivi anche sulla qualità dell’aria di tutto lo Stretto. Questo progetto si allinea un maniera piuttosto solida a sostegno dell’obiettivo di Stoccolma di azzerare le emissioni di gas serra entro il 2045