Honolulu (Shutterstock.com)

Ecobnb ha scelto le località che maggiormente si prestano all’ecoturismo, offrendo una miriade di meraviglie naturali da scoprire

Viaggiare responsabilmente significa salvaguardare l’ambiente, l’ecosistema e la biodiversità, contribuire allo sviluppo equo dell’economia locale e agire nel rispetto per la comunità ospitante. Ormai quasi ovunque si pratica l’ecoturismo e l’America non è esente da questa buona pratica, offrendo molte destinazioni eco-friendly, con itinerari lenti e alloggi sempre più ecologici.

Ecobnb, la community dedicata al turismo sostenibile, ha selezionato le 5 destinazioni degli Stati Uniti che più si prestano a questo tipo di viaggi, offrendo ai turisti responsabili una miriade di meraviglie naturali da scoprire. Queste destinazioni, che scopriremo a mano a mano, hanno scelto di utilizzare energie rinnovabili, eliminare la plastica o mettere in atto delle misure ambientali per prevenire il riscaldamento globale.

Hawaii

Le Hawaii sono uno dei primi paesi membri della International Ecotourism Society, un’organizzazione internazionale dedicata alla promozione del turismo sostenibile. Gli hawaiiani sono conosciuti per la loro forte connessione con la natura e le radici della sostenibilità e della vita in armonia con l’ambiente naturale fanno parte della loro cultura.

Per i fan della spiaggia e dell’escursione, le Hawaii presentano numerose possibilità. Surf, snorkeling, immersioni subacquee e kayak sono le attività più amate dagli abitanti e dai turisti. La regione offre molti sentieri per le escursioni, alcune portano sulla cima di un vulcano, altre a una vista panoramica di un parco nazionale. Per riposare l’isola offre varie sistemazioni ecologiche per ogni gusto.

Dove alloggiare

L’arcipelago delle Hawaii conta numerose isole, sia abitate ma soprattutto disabitate, con meravigliosi atolli. Le principali e più grandi sono 8: Isola di Hawaii, Maui, Oahu, Kauai, Molokai, Lanai, Niihau e Kahoolawe. Le migliori in cui alloggiare, grazie alla presenza di hotel e servizi, sono l’Isola di Hawaii, Maui, Kauai e Oahu. Kahoolaew è invece completamente disabitata, mentre Niihau è di proprietà privata. Oltre a queste isole, ci sono tutta una serie di isole minori, che con diversi atolli formano il complesso delle Isole Hawaii nordoccidentali, chiamate anche Isole del Sottovento. Alcune di queste sono Nihoa, Necker, Maro Reef, Layan, Atollo di Pearl e Hermes, Atollo di Midway e tante altre. Infine, lo Stato di Hawaii conta circa 137 ulteriori isolotti situati nella catena delle Hawaii e comprendono tutte quelle isole e atolli al largo delle isole principali. Le isole in cui è consigliato soggiornare sono:

Oahu, che è l’isola che ospita la capitale Honolulu, servita dall’Aeroporto Internazionale. È la più popolata e qui si trovano Pearl Harbor, la spiaggia di Waikiki o le Scale di Haiku.

Isola di Hawaii è la più grande dell’arcipelago, chiamata anche The Big Island. È servita da due aeroporti. Ricca di città e locali con spiagge meravigliose o immerse nella natura

Maui ospita l’antica capitale dell’arcipelago, Lahaina. È servita dall’Aeroporto Kahului. Chiamata anche Valley Isle, è ricca di vallate, cascate e meravigliose spiagge.

Kauai è quarta isola per dimensione e quella più a nord tra le 8 isole principali. Servita dall’Aeroporto Lihue, viene chiamata anche Garden Isle per la sua meravigliosa natura lussureggiante. I centri abitati sono principalmente villaggi e alcune zone dell’isola non sono accessibili in auto.

Cosa vedere

Honolulu e Pearl Harbour si trovano su Ohau. La capitale è un concentrato di vita ed esperienze e sicuramente non si può non visitare il Pearl Harbor National Memorial. A Wakiki, famosa località di Ohau che ospita spiagge come Waikiki Beach, Kahanamoku Beach o Fort DeRussy Beach, si può fare surf e snorkeling, godersi un aperitivo in riva al mare o fare un’escursione in barca.

Hanauma Bay è una meravigliosa spiaggia di Ohau convertita in riserva naturale per la conservazione della vita sottomarina. Gli ingressi giornalieri sono limitati ed è un luogo ideale anche per lo snorkeling, vista la presenza di tantissimi pesci hawaiiani.

La North Shore di Ohau è un tratto di costa lungo 10 km considerato la mecca dei surfisti. Qui ci si può imbattere in onde spettacolari grazie al vento costante e al largo di North Shore è possibile fare immersioni con gli squali.

Kauai rappresenta il lato più selvaggio delle Hawaii, grazie ai suoi paesaggi spettacolari, ai villaggi e ad alcune zone non accessibili in auto. Imperdibile una visita al National Tropical Botanical Garden e alle scogliere della Na Pali Coast.

Road to Hana è la strada più famosa di Maui ed è una delle strade panoramiche più belle di tutte le Hawaii. Da percorrere in auto, ci si imbatte in cascate, panorami mozzafiato, una natura lussureggiante e tanti villaggi tradizionali

L’Haleakala National Park che si trova sull’isola di Maui, è un parco nazionale che si estende su un vulcano dormiente di circa 3.000 anni. Imperdibile un’escursione all’alba, per ammirare una delle albe più belle delle Hawaii.

Molokini Crater è una piccola isola poco distante dalla costa di Maui, il luogo ideale per fare snorkeling. Questo perché l’isola è in gran parte sommersa e qui vivono tartarughe, squali, mante e tantissimi pesci tropicali.

Sull’Isola di Hawaii è possibile percorrere la strada Crater Rim Drive intorno al cratere del vulcano Kilauea, in auto o a piedi. Le spiagge dell’Isola di Hawaii sono una più bella dell’altra, ma da non perdere sono sicuramente la meravigliosa spiaggia di Mauna Kea, caratterizzata da sabbia bianchissima, e la spiaggia di Makalawena, tra le più belle dell’arcipelago.

Leggi anche:

Turismo sostenibile negli Stati Uniti, ecco le 5 migliori destinazioni
Turismo sostenibile negli Stati Uniti: Alaska
Turismo sostenibile negli Stati Uniti: Oregon
Turismo sostenibile negli Stati Uniti: California
Turismo sostenibile negli Stati Uniti: Colorado