Livadia, Tilos (Shutterstock.com)

La cooperativa che organizza viaggi a piedi ha scelto tre nuove tappe: la prima è la piccola isola dalle mille risorse

“Walden viaggi a piedi” è una cooperativa, composta da persone che da molti anni operano nel turismo sostenibile, organizzando viaggi a piedi in Italia e nel Mediterraneo, ma non solo. In Toscana, Italia, Europa, Mediterraneo e anche in Asia e Africa, la cooperativa propone un modo di viaggiare nuovo, camminando senza fretta per scoprire i luoghi passo dopo passo.

Per ottobre e novembre Walden ha organizzato tre nuovi viaggi, tra cui una novità in Grecia.

3-9 ottobre: Tilos, la piccola isola dalle mille risorse

8-15 ottobre: Kazakistan. Deserti, canyon e laghi nei dintorni di Almaty

23 ottobre – 6 novembre: Iran, alla scoperta del sud, tra canyon e castelli di sabbia

Tilos

Piccola, tranquilla e di una bellezza senza pretese, Tilos è il parco ecologico del Dodecaneso. Quest’isoletta a nord di Rodi era il rifugio degli ultimi elefanti nani d’Europa. È un paradiso per gli amanti del birdwatching, poiché durante la stagione migratoria si possono avvistare molte specie rare e poiché la caccia è stata abolita già da diversi decenni grazie alla lungimiranza dello storico sindaco Tasos Aliferis, personaggio che ha contribuito a rendere Tilos una comunità aperta al turismo e con un forte legame comunitario.

Con una moltitudine di baie e di calette e una fitta rete di sentieri, Tilos è un’isola per i veri amanti della natura. Grazie al progetto europeo Life ha aperto la strada all’autosufficienza energetica, ha un programma di riciclo di rifiuti che aspira a una percentuale di raccolta differenziata dell’85%, autobus elettrici e una consapevolezza sociale dell’accoglienza, dimostrando rispetto per l’ambiente naturale e per l’individuo. Nel viaggio con Walden, previsto dal 3 al 9 ottobre, si farà tappa a Livadia, la vivace cittadina con il porto e le taverne e ogni giorno ci si sposterà a piedi per visitare spiagge isolate, antichi villaggi ormai abbandonati e chiesette bizantine. Sentieri lastricati, gole, terrazzamenti con muretti a secco e tutt’intorno l’odore del timo da cui si ricava un miele purissimo dal sapore inconfondibile. Il filo conduttore di questo trekking sarà la natura incontaminata, l’ambiente preservato grazie anche all’impegno degli amministratori locali e di tutti i cittadini, il mare pulitissimo e il buon cibo del Dodecaneso.

Sono sei le ragioni per camminare a Tilos: la visita all’antico monastero di St. Panteleimon costruito su versanti scoscesi e con una vista unica sull’Egeo, la bellezza dei villaggi fantasma di Mikro Chorio e di Gerà, i resti degli ultimi elefanti nani d’Europa conservati al museo paleontologico dell’isola, una passeggiata fra i vicoli della capitale dell’isola Megalo Chorio all’ombra del Castello dei Cavalieri di San Giovanni, Tholos e le altre incantevoli spiagge, il miele di timo e i pitaroudia.

Leggi anche:

Turismo sostenibile, da 10 anni in cammino con “Walden viaggi”