Plaza de Armas, Lima (Shutterstock.com)

Nella nuova classifica stilata dalla prestigiosa guida turistica al quarto posto per la sezione Sapori si piazza la capitale del Perù

È stata pubblicata a fine anno l’attesissima guida “Best in travel 2023” realizzata dalla casa editrice Lonely Planet, che da quasi 20 anni seleziona le destinazioni di viaggio migliori, in base ai consigli e alle indicazioni di chi ci vive. Per aiutare i lettori a orientarsi meglio, le mete, in tutto 30, quest’anno sono state suddivise in cinque sezioni: Sapori, Itinerari, Relax, Connessioni e Scoperte. Per la sezione Sapori, al quarto posto si piazza la capitale del Perù, Lima.

Lima

Lima è una vasta metropoli che si estende lungo alte scogliere ed è la capitale con il clima più arido del mondo dopo Il Cairo. Ma oltre a questo, come spiega Lonely Planet, è anche «una città sofisticata dalla civiltà millenaria, dove le solenni processioni religiose che risalgono al XVIII secolo sono ancora molto sentite. Nei suoi musei si ammirano ceramiche di sublime bellezza, le gallerie d’arte cittadine ospitano mostre d’avanguardia e i locali notturni pulsano di ritmi tropicali. E poi c’è la deliziosa cucina, una vera e propria rivoluzione gastronomica iniziata più di 400 anni fa».

Cosa vedere

Secondo la guida “Best in travel”, una volta arrivati a Lima, non bisogna perdere il nucleo storico della città, Lima Centro, «un reticolo di vie affollate che risalgono al XVI secolo, l’epoca di Francisco Pizarro, dove sorge la maggior parte degli edifici coloniali rimasti nella capitale. Sulla sponda meridionale del Río Rímac si estende il centro storico e commerciale della città, caratterizzato da vie strette e vivaci su cui si affacciano elaborate chiese barocche. Il numero delle dimore coloniali giunte sino a noi è esiguo, poiché molte sono state demolite nelle fasi di espansione della città, oppure distrutte dai terremoti e dal clima perennemente umido. Il miglior accesso a Plaza de Armas è da via Jirón de la Unión, interamente chiusa al traffico».

La guida suggerisce un tour di due giorni alla scoperta di Lima, iniziando con una visita a piedi del cuore coloniale della città. «Dopo pranzo – si legge – recatevi ad ammirare le ceramiche chancay al Museo Andrés del Castillo, una dimora storica ben conservata, e concedetevi un’happy hour a base di Pisco sour al Museo del Pisco. Se vi tratterrete sufficientemente a lungo, farete anche in tempo a vedere El Circuito Mágico del Agua illuminato.

Il secondo giorno dedicatevi alla cultura precolombiana o a quella contemporanea: ammirate i tessuti mozzafiato esposti alla Fundacíon Museo Amano, oppure visitate l’avvincente mostra sulla guerra civile al Museo de la Nación. Potreste anche visitare Huaca Pucllana, un tempio in adobe vecchio di secoli nel cuore di Miraflores. Rinfrescatevi e trascorrete la serata gustando la cocina novoandina in uno dei tanti raffinati ristoranti della capitale».

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet
Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet: Umbria
Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet: Kuala Lumpur
Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet: Fukuoka