Kuala Lumpur (Shutterstock.com)

Nella nuova classifica stilata dalla prestigiosa guida turistica al secondo posto per la sezione Sapori si piazza la capitale della Malesia

È stata pubblicata a fine anno l’attesissima guida “Best in travel 2023” realizzata dalla casa editrice Lonely Planet, che da quasi 20 anni seleziona le destinazioni di viaggio migliori, in base ai consigli e alle indicazioni di chi ci vive. Per aiutare i lettori a orientarsi meglio, le mete, in tutto 30, quest’anno sono state suddivise in cinque sezioni: Sapori, Itinerari, Relax, Connessioni e Scoperte. Per la sezione Sapori, al secondo posto dopo l’Umbria si piazza la capitale della Malesia, Kuala Lumpur.

Kuala Lumpur

Sorta meno di due secoli fa presso una miniera di stagno nella giungla, Kuala Lumpur «è diventata una ricca metropoli del secondo millennio – si legge nella guida – caratterizzata da un incredibile mix di culture tradizionali, con le sue comunità di malesi, cinesi e indiane, dalla frizzante scena legata al design e all’arte contemporanea, da un ambizioso progetto di rigenerazione urbana e dal dinamismo in architettura: il nuovo Exchange 106 è più alto delle famose Petronas Towers. Passeggiate per Kuala Lumpur e scoprirete quartieri che conservano la placida atmosfera e la selvaggia cornice verde del kampung (villaggio) che fu un tempo. È qui che vi attendono alcune tra le migliori bancarelle gastronomiche e kopitiam (caffetterie) della città».

Cosa vedere

Lonely Planet traccia quindi un itinerario di tre giorni, suggerendo quelle che sono le attrattive principali della città. «Dopo la prima colazione all’Imbi Market – afferma – iniziate a farvi un’idea della città salendo in cima al grattacielo Menara Kuala Lumpur: se non soffrite di vertigini ammirate la vista dalla terrazza panoramica all’aperto. Esplorate poi la foresta della Bukit Nanas e percorrete la canopy walkway, la passerella sospesa tra gli alberi, aguzzando la vista per scorgere qualche scimmia. Trascorrete il pomeriggio alla scoperta di Chinatown, andando in cerca di souvenir nel mercato centrale e ammirando gli edifici d’epoca che si affacciano su Merdeka Square. Concludete la giornata in Jalan Petaling, tra le bancarelle gastronomiche e il mercato notturno.

Dedicate il secondo giorno al parco dei Lake Gardens, scegliendo poi se visitare il Kuala Lumpur Bird Park e l’Islamic Arts Museum o il National Museum. Al crepuscolo cercate di trovarvi al Kuala Lumpur City Centre (KLCC) per vedere lo spettacolo delle Petronas Towers illuminate. Fate un giro nel magnifico centro commerciale Pavilion KL, passate in rassegna le bancarelle gastronomiche di Jalan Alor e bevete l’ultimo bicchiere da Suzie Wong.

Per una vista stupenda dello skyline della capitale andare al Lago Titiwangsa, dove potrete anche visitare la National Visual Arts Gallery. Poi, dopo aver gironzolato nel quartiere tradizionale malese di Kampung Baru, prendete un taxi e raggiungete il magnifico Thean Hou Temple. Bevete un aperitivo all’Heli Lounge Bar prima di concedervi una cena memorabile da Nadodi. Finite con un cocktail e un po’ di jazz al No Black Tie».

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet
Turismo sostenibile, ecco le 30 mete scelte da Lonely Planet: Umbria