Santa Teresa (Shutterstock.com)

Sono 4 le località scelte da Pin and Travel in America Latina, dove tra arte, cultura e natura si può viaggiare in modo consapevole

Anche l’America Latina è molto attenta all’impatto ambientale e per questo si sta sempre più attrezzando per promuovere la cultura eco-friendly. Sostenibilità, solidarietà e responsabilità sociale sono i principi che deve adottare il turista che intende visitarla. Sulla base di questo, la rivista Pin and Travel, ha individuato quelle destinazioni dell’America del Sud dove maggiormente si mettono in pratica le buone regole del turista responsabile, perché viaggiare responsabilmente significa salvaguardare l’ambiente, l’ecosistema e la biodiversità, contribuendo allo sviluppo equo dell’economia locale e agendo nel rispetto della comunità ospitante.

Costa Rica

La Costa Rica è una destinazione imprescindibile per chi ama concedersi una vacanza nella natura, in località uniche per bellezza e ricchezza di flora e fauna. Il 26% delle sue terre infatti, è costituito da parchi e riserve naturali, che fa di questo piccolo Stato del Centroamerica l’emblema del turismo sostenibile. Oltre a foreste lussureggianti e spiagge paradisiache, il paese è leader nella conservazione della fauna protetta e nell’avvistamento di uccelli, tartarughe, scimmie e balene.

Il 5% della biodiversità mondiale si trova in Costa Rica, che si è posto l’obiettivo di fornire tutto il suo fabbisogno energetico mediante le energie rinnovabili, riuscendoci. La prima destinazione al mondo senza emissioni di carbonio infatti, si trova proprio qui. Si tratta della cittadina agricola La Fortuna, che ospita il vulcano Arenal, cascate e piscine naturali, sorgenti e foreste pluviali, come quella di Monteverde.

Cosa vedere

Sono tante le bellezze che caratterizzano la Costa Rica, ma i luoghi che non bisogna assolutamente perdere sono 5. Il primo è Tamarindo, considerato uno dei luoghi maggiormente prediletti e accessibili dai turisti. Lungo le sue spiagge si svolgono varie attività e sport acquatici, come pesca, surf e immersioni. Oltre a offrire ai visitatori svariate occasioni di svago durante le vacanze, Tamarindo gode di una natura dalla bellezza unica.

Il Parco nazionale Corcovado è il più grande della Costa Rica, con i suoi 42.469 ettari di estensione. Si trova nella parte occidentale del paese ed è considerato il luogo più prospero della Terra: comprende infatti miriadi di specie diverse che abitano in otto habitat differenti. Il Corcovado è inoltre, l’ultimo tratto esteso di foresta tropicale umida rimanente nell’America centrale.

Santa Teresa, situata nel North Puntarenas, è una ridente cittadina balneare. La sua spiaggia è frequentata da moltissimi appassionati di surf. Santa Teresa si è sviluppata velocemente negli ultimi anni, arrivando a essere, da una modesta cittadina di pescatori e contadini, un luogo di turismo attivo e produttivo.

Playa Jaco, posizionata sulla costa centrale di Costa Rica, è una spiaggia ricca di locali, ristoranti e abitazioni. Questa zona, oltre ai surfisti e ai turisti in cerca di relax, è adatta anche agli amanti dell’avventura desiderosi di esplorare la flora locale o di mettersi alla prova in attività come la pesca sportiva o il parapendio.

La riserva biologica Monteverde Cloud Forest, che si trova all’interno delle province di Puntarenas e Alajuela, è stata fondata nel 1972 e si estende per più di 10.500 ettari di foresta nebulare con un altissimo livello di biodiversità. L’ambiente suggestivo della riserva di Monteverde, che ogni anno attira circa 70.000 visitatori, è dovuto alle fitte nebbie e alla natura incontaminata. Il luogo ospita migliaia di specie differenti di piante e animali.

Leggi anche:

Turismo sostenibile anche in Sud America