(Shutterstock.com)

Secondo il report i viaggiatori mettono al primo posto il rispetto per l’ambiente, puntando ad un turismo lento e sostenibile

Scelte consapevoli, sostenibili e rispettose dell’ambiente caratterizzano l’esperienza di viaggio dei turisti, sin dalla prenotazione. È quanto emerge dall’edizione di quest’anno del Susteinable Travel Report, redatto da Booking su un campione di 30mila persone provenienti da 32 Paesi. Secondo il report, il 93% degli italiani e l’81% dei turisti su scala globale, viaggia con un occhio di riguardo alla sostenibilità ambientale, mentre per il 76% è importante l’impatto ambientale.

La metà dei partecipanti all’indagine ha rivelato che il proprio modo di viaggiare è influenzato dagli effetti del cambiamento climatico. Un terzo dei viaggiatori a livello globale e il 43% di quelli italiani, ritengono che un ruolo importante lo rivestano la sostenibilità delle società di trasporto e delle strutture ricettive. Nello specifico, l’83% degli italiani preferisce un alloggio sostenibile e il 46% dei turisti ha già vissuto un’esperienza green lo scorso anno. Il 78% dei viaggiatori a livello globale e l’85% di quelli a livello nazionale, quest’anno desiderano soggiornare in strutture sostenibili.

Un terzo degli intervistati ha poi dichiarato di voler viaggiare solo in bassa stagione. Il 40% ha dichiarato che in futuro viaggerebbe solo nei periodi meno affollati, il 64% eviterebbe le mete più gettonate e il 31% sceglierebbe una meta alternativa per non alimentare il turismo di massa.

Il 74% dei viaggiatori italiani vorrebbe vivere esperienze alla scoperta della cultura locale di un territorio, mentre il 25% sarebbe disposto a pagare di più per le attività da fare in viaggio. Per il 42% dei turisti che usano Booking, ci sarebbero enormi difficoltà nella ricerca di mete alternative e il 34% ritiene che sia impossibile trovarne. Un quarto dei viaggiatori punta a mete vicine a casa per ridurre l’impronta di carbonio e uno su cinque sceglie il treno rispetto all’auto per percorrere distanze maggiori. Il 54% invece, sostiene di non cercare opzioni di trasporto più sostenibili.