Il monte Fuji (shutterstock.com)

Ai piedi del Fuji nascerà il primo prototipo di comunità alimentata dall’idrogeno

La casa automobilistica giapponese Toyota ha presentato l’idea per una futuristica e avveniristica città da circa 2000 abitanti, costruita ai piedi del monte Fuji, totalmente alimentata dall’idrogeno, ma anche ornata da veicoli autonomi, robot domestici e altri apparecchi tech.

Caratteristiche

Si chiama “Toyota Woven City”: si tratta di un ecosistema urbano che non si limita ad una semplice fantasia a occhi aperti. La compagnia avrebbe infatti già individuato i potenziali 70 ettari su cui ergere questa città e avrebbe già stipulato un accordo con l’architetto danese Bjarke Ingels, lo stesso che ha firmato il 2 World Trade Center di New York e l’avveniristica sede di Google a Mountain View. Il centro urbano si ramificherà in 3 tipi diversi di strade: quelle riservate ai veicoli più veloci, quelle per una mobilità più e quelle riservate unicamente ai pedoni. Sulla griglia organica risultante saranno invece collocati gli edifici, tutti realizzati in legno, utilizzando le tecniche di falegnameria tradizionale combinate con metodi di produzione robotizzati.

I tetti saranno coperti da pannelli fotovoltaici che assieme diversi impianti a fuel cell avranno il compito di produrre energia. Questo piccolo gioiello sarà attorniato dalle più svariate tecnologie hi-tech, come la robotica domestica e sistemi di sensori per controllare la salute degli occupanti, per non parlare dei trasporti a emissione 0 e un grande sistema di accumulo dell’idrogeno piazzato sottoterra.


“Costruire una città completa da zero, anche su piccola scala come questa, è un’opportunità unica per sviluppare le tecnologie future, incluso un sistema operativo digitale per l’infrastruttura urbana […] Con persone, edifici e veicoli tutti collegati e in comunicazione tra loro attraverso dati e sensori, saremo in grado di testare la tecnologia dell’AI connessa – sia nel regno virtuale che in quello fisico – massimizzandone il potenziale” commenta Akio Toyoda, presidente di Toyota Motor Corporation.