(Shutterstock.com)

Torna a Roma, dal 14 settembre al 21 novembre, il Romaeuropa Festival, rassegna di arti performative. Una manifestazione che pone al centro lo scambio e il connubio tra codici espressivi e culture.

In oltre 20 spazi differenti di Roma, torna, dal 14 settembre al 21 novembre, il Romaeuropa Festival. Quest’anno giunge alle sua XXXV edizione ed è riconosciuto come un dei più importanti festival italiani con il meglio della scena contemporanea.

L’offerta culturale proposta è davvero ampia e variegata e abbatte le barriere tra la cultura “alta” e “di massa”. Si tratta di una manifestazione che pone al centro lo scambio, l’intreccio e il connubio tra codici espressivi e culture.

Ogni anno tutti i continenti si incontrano a Roma grazie alla danza, al teatro, alla musica, al cinema, a incontri con artisti, alle arti visive e alle sfide tecnologiche. Il tutto regala un’esperienza estetica intensa distribuita in tantissimi spazi per oltre due mesi.

Tutte le arti saranno accolte all’Auditorium Parco della Musica (Cavea, Sala Santa Cecilia, Sala Sinopoli, Sala Petrassi, Teatro Studio Borgna), al Teatro Argentina, al Teatro India, al Mattatoio, al MAXXI, al Teatro Biblioteca Quarticciolo, al Teatro Vascello, al Teatro Vittoria, all’Accademia di Francia Villa Medici.

Le sezioni del Festival sono cinque: Ref KidsDancing DaysDigitaliveAnni Luce e Line Up!, curate, rispettivamente, da Stefania Lo Giudice, Francesca Manica, Federica Patti, Maura Teofili e Giulia Di Giovanni. L’opening di Romaeuropa si terrà dal 14 al 16 settembre, nella Cavea dell’Auditorium Parco della Musica.

Per il programma: romaeuropa.net