Trunk Bay, Isole Vergini (Shutterstock.com)

Nella classifica al secondo posto si piazza Cala Mariolu in Sardegna e al terzo Meads Bay nell’isola di Anguilla

È stata pubblicata in questi giorni la lista annuale delle spiagge più belle del mondo, stilata da “The world’s 50 best beaches”, che si avvale dell’aiuto di professionisti, oltre 1.000 tra giornalisti di viaggio, influencer, agenzie ed esperti del settore, che selezionano le località marittime in base a criteri specifici, quali natura incontaminata, distanza, balneabilità, giorni di sole all’anno, temperatura media.

La prima classificata

La spiaggia più bella del mondo secondo la classifica 2024 de “The world’s 50 best beachs” è Trunk Bay, nelle Isole Vergini americane. Si tratta di una delle spiagge più incontaminate dei Caraibi e si trova nel Parco nazionale delle Isole Vergini. Con sabbia bianca come la neve, acque turchesi e uno status protetto, Trunk Bay è un idilliaco rifugio naturale dove è possibile rilassarsi, fare snorkeling o escursioni nella pace più assoluta. La spiaggia prende il nome dalle tartarughe liuto autoctone, comunemente note come “tronchi”. «Trunk Bay è il paradiso caraibico per eccellenza – hanno scritto gli esperti nella loro relazione -. I visitatori lodano la sabbia incredibilmente soffice e le acque cristalline, simili a piscine, ma ciò che distingue veramente Trunk Bay dalle altre destinazioni caraibiche è la sua ubicazione all’interno dello splendido Parco nazionale delle Isole Vergini.

Lo stato protetto dell’area garantisce l’assenza di rumorose attività commerciali e di grandi edifici, consentendo invece, alla vegetazione lussureggiante e alla fauna selvatica locale di prosperare come sfondo naturale. Inoltre, la sua posizione riparata la protegge dagli Alisei dei Caraibi, creando acque calme perfette per nuotare. Prendendo il nome dalla tartaruga liuto, conosciuta localmente come “tronchi”, originaria della zona, Trunk Bay presenta anche una vivace barriera corallina che attira gli snorkelisti desiderosi di nuotare tra banchi di pesci colorati e sperimentare l’esclusivo percorso di snorkeling sottomarino». “The world’s 50 best beachs” suggerisce di programmare un viaggio a Trunk Bay da maggio a novembre, prediligendo ottobre e novembre, dal momento che «l’oceano è in uno stato da cartolina se il cielo è sereno».

La seconda classificata

Della seconda classificata, ossia Cala Mariolu, in Sardegna, abbiamo parlato nell’articolo precedente, che è possibile leggere cliccando qui.

La terza classificata

Meads Bay, Anguilla (Shutterstock.com)

Situata ad Anguilla, Meads Bay, tratto di mare di lusso di 2,4 km, ha conquistato il terzo posto come migliore spiaggia del mondo perché è un luogo fantastico per prendere il sole e godersi tramonti mozzafiato su panorami blu cobalto, lontani dalla folla, grazie alla sua posizione occidentale. «La caratteristica principale di Meads Bay, nell’isola di Anguilla, è la tranquillità unica e pacifica che i bagnanti possono sperimentare – hanno scritto gli esperti de “The world’s 50 best beaches” -. Questa spiaggia è una delle preferite sia dalla gente del posto che dai turisti, caratterizzata da una lunga e incontaminata distesa di sabbia bianca che rimane indisturbata dalla vivace folla che si trova nelle spiagge più commerciali.

Anche durante l’alta stagione, è possibile trovare momenti in cui sembra di avere la spiaggia tutta per sé. L’acqua è di una magica tonalità turchese, mentre una manciata di resort di lusso e ristoranti locali lungo la riva offrono servizi convenienti senza oscurare il fascino naturale della baia. Inoltre, la posizione occidentale della baia offre splendide viste sul tramonto, rendendola un luogo perfetto per passeggiate serali e cene rilassanti».