olio essenziale ciotola pipetta
(shutterstock.com/New Africa)

Il tea tree oil, con proprietà antibiotiche e antisettiche, è utile per molte problematiche. Scopriamo proprietà, usi e controindicazioni.

Olio prezioso con infinite proprietà, il tea tree oil è un rimedio che andrebbe sempre tenuto a portata di mano. Ricavato da una pianta originaria di una zona dell’Australia, che cresce soprattutto in aree paludose e presso i ruscelli, è considerato un vero e proprio antisettico naturale. Stando ad alcune ricerche, è in grado di neutralizzare batteri, funghi e protozoi, esercitando una notevole azione antivirale. Il tea tree oil è considerato anche un antinfiammatorio, un antibiotico, un mucolitico e un antiparassitario.

Come antisettico, è utile per combattere lesioni acneiche, tagli, ustioni, punture di insetto, herpes, micosi di pelle e unghie, forfora, dermatite seborroica, afte, gengiviti e candida. E’ bene sottolineare che, per un uso a livello delle mucose, il tea tree oil deve essere sempre diluito con un olio vegetale. Come antibiotico, antibatterico, antivirale e antifungino, invece, è indicato per contrastare faringiti, tonsilliti, febbre, bronchite, raffreddore, mal di gola, cistite, candidosi, porri, verruche, piaghe infette e piorrea.

Il tea tree oil, inoltre, è un ottimo mucolitico perché i suoi vapori consentono di facilitare la respirazione e di combattere i sintomi influenzali, soprattutto in presenza di catarro e muco. Non essendo irritante, è un rimedio che può essere utilizzato anche su zone delicate, come le mucose di bocca, vagina e ano, ma anche su brufoli, ascessi dentali e gengiviti. Infine, è indicato anche per contrastare i pidocchi su adulti e bambini, nonché per debellare i parassiti sugli animali domestici.

donna olio essenziale viso
(shutterstock.com/Lina Ptashka)

Tea tree oil: usi

Con un profumo pungente e un po’ speziato, il tea tree oil ha un colore che va dal trasparente al giallo verdognolo. L’olio essenziale di tea tree si può acquistare sia in farmacia che in erboristeria, ma anche online. In questo ultimo caso, però, assicuratevi che sia puro e non diluito con altri oli vegetali. Per quel che riguarda gli usi, potete aggiungere qualche goccia in base all’utilizzo che intendete farne. Se, ad esempio, avete a che fare con i funghi della pelle, mettete 2 gocce di olio essenziale all’interno di un bagnoschiuma neutro e procedete con la classica doccia. Dovete combattere contro la placca dentale? Mettetene una goccia sul dentifricio che utilizzate quotidianamente. Problemi di prurito intimo? In questo caso, le gocce da aggiungere al detergente sono 2, così come quelle che dovete utilizzare in casi di forfora.

Se, invece, dovete contrastare infezioni intime come la candida unite una goccia ad una noce di gel di aloe vera e massaggiate localmente. Per i problemi bronchiali l’utilizzo migliore è l’unguento balsamico. Avete bisogno di 50 ml di burro di karité a cui vanno aggiunte 15 gocce di tea tree oil. Questo composto può essere utilizzato anche per curare le labbra screpolate e l’herpes labiale. Per i suffumigi, le gocce da aggiungere all’acqua bollente sono 7, mentre per diffondere i suoi benefici nell’ambiente basta 1 goccia nel diffusore.

Per quel che riguarda le controindicazioni, se utilizzato alle giuste dosi, l’olio essenziale di tea tree oil è atossico. E’ comunque sconsigliato l’utilizzo in gravidanza, durante l’allattamento e in soggetti con insufficienza epatica e renale.