shuttestock.com

Il 7th International SpectroRadiometer and Broadband Inter-comparison cerca di trovare un unico sistema per misurare la forza del sole

Quanta energia solare è in grado di produrre esattamente un determinato dispositivo fotovoltaico? Per quantificare la forza del sole, come per tutte le forze, serve un sistema riconosciuto che crei ordine nelle misurazioni. E per dare una risposta a questa domanda è stato organizzato il 7th International SpectroRadiometer and Broadband Inter-comparison a Passo Martino, a Catania, grazie all’ospitalità dell’Enel Innovation Lab e all’organizzazione del Joint Research Center (JRC), in collaborazione con Enel Green Power.

Trovarsi d’accordo su un sistema comune permette di dire, senza confusione, quanto sia efficiente un pannello solare, per esempio. Senza un evento simile, chiunque potrebbe dire qualsiasi cosa a proposito di un pannello solare: ovviamente uno stesso dispositivo fotovoltaico può risultare fenomenale lungo l’equatore, e risultare invece del tutto inefficiente lungo il Circolo Polare Artico. Moltissimo dipende, infatti, dalla differente forza del sole. Come ha spiegato Win Zaaiman del JRC, «è davvero come ‘misurare il metro’. Noi non possiamo misurare il metro come fecero a Parigi, ma possiamo invece usare il sole come metro, così tutti quanti possono confrontarsi con lo stesso sole, e quindi con lo stesso metro di riferimento».

Celle solari

Sono state utilizzate dell  ‘celle solari di riferimento‘, ovvero delle celle fotovoltaiche di alta qualità che vengono poi usate come pietra di paragone. I laboratori catanesi di Enel Green Power, in altre parole, hanno ospitato svariate misurazioni di radiazioni e di spettro solare per arrivare ad una precisa e soprattutto condivisa determinazione della potenza energetica di diverse tecnologie fotovoltaiche, che fino ad un momento prima potevano essere solamente ‘ipotizzate’ con un discreto margine di errore.