Lo Shuttle Olli
Lo Shuttle Olli

Una vettura avveniristica a giuda autonoma totalmente alimentata dall’elettrico.

Torino. Uno shuttle da 8 posti a guida autonoma a livello 4 costruito dagli ingegneri americani di Local Motors fa la sua comparsa. Sperimentato nei primi 4 mesi del 2020, Olli (questo il suo nome) ha trasportato dipendenti e ospiti negli spazi del campus delle Nazioni Unite.

Caratteristiche

Con i suoi 50 Km di autonomia, Olli è realizzato con componenti ottenuti dalla stampa 3D; in prevalenza, parliamo di materie prime quali i polimeri compositi e l’alluminio. Dispone di sensori, di un sistema radar, una videocamera ottica e due antenne Gps, che possono intercettare pedoni e ostacoli e permettere al mezzo di essere tecnologicamente all’avanguardia. Il suo peso si aggira intorno ai 2000 Kg, la sua capacità di carico ammonta a 907 Kg. Torino ed Amsterdam sono state le due vincitrici del challenge internazionale di Local Motors tenutosi nel 2019, aggiudicandosi quindi l’opportunità di poter accogliere questi veicoli e di fungere da campo di sperimentazione per le piccole ibride a stelle e strisce.

Rappresentanti

Hanno fatto parte del progetto il comune di Torino, l’Università di Torino, Iren, Cir, Nuova Benese e Reale Mutua, che ha funto da sponsor. L’obiettivo di tutto questo è alimentare e portare all’attenzione tecnologie di questo tipo. «Oggi abbiamo le prime ricadute a terra perché testiamo una tecnologia a servizio dei cittadini. Si tratta di test che vogliono incidere su nuova mobilità, sostenibile e interconnessa. Nel progetto coinvolgeremo anche un gruppo di cittadini percettori del reddito di cittadinanza che formeremo su queste nuove tecnologie» commenta la sindaca di Torino Chiara Appendio.