sciatalgia dolore gamba
(Shutterstock.com)

Ci sono rimedi naturali contro la sciatalgia? Vediamo quali sono quelli più efficaci e rispolveriamo i vecchi consigli della nonna.

Infiammazione del nervo sciatico, la sciatalgia è una problematica piuttosto diffusa. Colpisce il nervo più lungo, che parte dalla regione lombo-sacrale, attraversa il bacino e la parte posteriore della gamba e termina nel piede. Le cause sono diverse, dalla postura scorretta ai traumi. Il primo sintomo è identificativo della patologia: un dolore che parte dal gluteo e può arrivare fino al piede, colpendo una gamba o entrambe. A questo disturbo si possono aggiungere: formicolio, intorpidimento, debolezza muscolare, compromissione della motricità e difficoltà nei movimenti. Se di avvertono questi fastidi è bene chiedere il parere del medico perché potrebbe trattarsi anche di falsa sciatalgia, o sindrome del piriforme. In ogni modo, ci sono diversi rimedi naturali utili a combattere la problematica.

Innanzitutto, nella fase acuta è consigliato il riposo. Per lenire il dolore sono indicati bagni caldi con sali di Epsom o erbe o oli essenziali dalle proprietà antinfiammatorie. Fate anche impacchi sulla zona infiammata ed esercizi di stretching o posizioni per allungare i muscoli in tensione. Non dimenticate il potere dei massaggi con oli e miscele utili ad alleviare le contratture e le tensioni muscolari.

coppia esercizi sciatica
(Shutterstock.com)

Sciatalgia: rimedi naturali efficaci

Per combattere la sciatalgia, anche se ad alcuni può sembrare strano, è fondamentale mantenere alta l’idratazione, in modo da fornire il giusto nutrimento ai muscoli ed eliminare le scorie. Quindi, ricordatevi di bere tanta acqua e consumare frutta e verdura in abbondanza. Al contrario, vanno ridotti caffè e zuccheri. Sul versante dei rimedi naturali fitoterapici, sono consigliati: artiglio del diavolo, withania, olmaria, camomilla, lavanda e ribes nero. Queste piante sono tutte potenti antinfiammatori.

Se la sciatalgia non è passeggera ma cronica è bene chiedere aiuto ad un fisioterapista, che consiglierà un percorso riabilitativo ad hoc. E’ fondamentale, infatti, correggere la postura, irrobustire la muscolatura e migliorare la flessibilità del rachide.