Riciclo di conchiglie

Quando l’estate è ormai alle porte una passeggiata in riva al mare è sia rilassante che di indubbia efficacia. A portata di tutti, i bambini possono essere intrattenuti in una caccia al tesori. Di conchiglie di vario genere. La passeggiata lungo la battigia inoltre distende e rilassa. Sia all’alba che alla sera si possono ammirare sfumature di colore a cielo aperto. Grazie alla luce del sole riflesso nello specchio di acqua marino.

Collane e monili di conchiglie

Le conchiglie possono avere forma e dimensione diverse. Senza eccedere nella selezione si possono raccoglierne in una certa quantità. In seguito, una volta arrivati a casa, selezionare le migliori o preferite. In base alla foggia e al colore. Successivamente vanno sciacquate e pulite. Lasciandole immerse in acqua e bicarbonato e ripulendole con uno spazzolino da denti nuovo.
Una volta asciugate su un canovaccio vanno forare in modo tale da non frantumarsi.
Possono essere allacciate al collo con il caucciù oppure con un semplice laccio colorato o nero, in base alle vostre preferenze e agli abbinamenti con il vestiario indossato.
Naturalmente le conchiglie possono essere anche presenti in casa utilizzando barattoli ermetici o disponendoli in piattini in ambienti diversi.

Collane, bracciali o cavigliere

Le conchiglie raccolte sulla riva del mare possono essere adoperate per realizzare, collane, bracciali o cavigliere. Bisogna naturalmente stabilire la lunghezza e utilizzare semplici lacci (per esempio di caucciù) per fermarli e annodarli a collo, braccia o caviglie. Sono adatte al periodo estivo con un abbigliamento coordinato. Si possono indossare ovunque perché sono accessori poco impegnativi ma hanno una semplicità che li esalta, specie quelle in madreperla che hanno un effetto cangiante in base alla luce diurna o serale.