shutterstock.com

Il riciclo delle capsule di caffè che da vita a del riso da donare alle comunità in difficoltà

Da capsule di caffè a riso solidale. Le macchinette per caffè espresso in capsule ma gli involucri delle cialde, nella maggior parte dei casi in alluminio, se gettati nella spazzatura, finiscono in discarica contribuendo all’aumento della quantità di rifiuti non smaltibili e quindi inquinanti. Realtà come la Nespresso stanno cercando di modificare il trend: Il programma ‘The Positive cup’attivo in Italia dal 2011 in un accordo tra Nespresso, Cial (Consorzio nazionale per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in alluminio), Federambiente e il Cic (Consorzio italiano Compostatori) ha sicuramente fini di immagine e marketing, ma ciò che conta è il risultato. L’iniziativa prevede infatti che le capsule riconsegnate dai cittadini in 36 boutique Nespresso e 46 isole ecologiche su tutto il territorio nazionale siano raccolte e trattate per separare l’alluminio e il caffè residuo, avviando i due materiali a distinti processi di valorizzazione.

Riciclo

L’alluminio viene riciclato al 100%, con risparmi energetici e di materiali fino al 95%, mentre il caffè residuo viene avviato a compostaggio e utilizzato come fertilizzante per un appezzamento di terreno individuato insieme all’Unione Agricoltori di Pavia e destinato a risaia: il riso coltivato viene acquistato da Nespresso e successivamente donato a Banco Alimentare, che a sua volta lo distribuisce a persone in difficoltà sul territorio attraverso gli enti caritativi convenzionati, incluse numerose mense dei poveri.

La raccolta di capsule è aumentata del 10%, pari a 419 tonnellate di materiale riciclato negli ultimi anni e 268 quintali di riso sono stati donati in questa iniziativa. Attualmente sono 48 i Comuni italiani in cui è attivo il progetto, attraverso accordi con le singole pubbliche amministrazioni e le società di gestione dei rifiuti urbani che si occupano direttamente del servizio di ritiro delle capsule.

“il recupero e l’avvio al riciclo delle capsule di caffè continua a crescere in Italia e siamo molto soddisfatti di aver contribuito a questo successo. Grazie a questo programma si amplia la consapevolezza dei cittadini in merito all’importanza della raccolta differenziata e al riciclo dell’alluminio, evitando gli sprechi e contribuendo alla salvaguardia dell’ambiente” dichiara Gino Schiona, Dg di Cial.