frutta e verdura
Prostock-studio/Shutterstock.com

Consumare frutta e verdura di stagione ha enormi benefici per la nostra salute, per l’ambiente e per le nostre tasche

Sugli scaffali dei grandi magazzini, ormai è possibile trovare lo stesso frutto o ortaggio disponibile 365 giorni l’anno, così da poter mangiare sempre ciò che più ci piace. Questa continua disponibilità ha reso addirittura difficile capire quali di questi prodotti siano di stagione e quali no. Comprendere cosa comporta l’acquisto e il consumo di alimenti cresciuti in un periodo diverso da quello naturale è però molto importante. Mangiare frutta e verdura di stagione è il primo passo verso un mondo più sano e sostenibile, vediamo perché.

Perché evitare frutta e verdura cresciuta fuori stagione

Una delle motivazioni appare subito chiara a tutti: il sapore. Inutile negare che una verdura coltivata artificialmente non ha nulla del gusto intenso e succoso tipico di un alimento cresciuto all’aria aperta, secondo i suoi tempi. Questo perché nella coltivazione in serra, la pianta è privata della sua crescita regolare e resa quindi più debole e soggetta ad attacchi di parassiti. Per rafforzarla, i coltivatori dovranno fare uso di sostanze chimiche che, di certo, non sono salutari né per l’ambiente, né per il nostro organismo.

Le verdure cresciute fuori stagione necessitano di condizioni climatiche adeguate, che devono essere ricreate artificialmente. Sarà quindi necessario fare ampio uso di luce artificiale e di riscaldamento, per illuminare e riscaldare le serre. Una volta colti, gli alimenti dovranno essere riposti in celle frigorifere per mantenerli per lungo tempo. A tutto ciò si somma un massiccio utilizzo di carburante, utilizzato per trasportare la merce anche per molti chilometri, se non dall’altra parte del mondo.

È bene tenere a mente che l’utilizzo di tutte queste risorse avrà un impatto fortemente negativo sia per il consumatore finale, che dovrà sostenere spese maggiori, sia per l’ambiente.

Coltivazione di melanzane in una serra
Coltivazione di melanzane in una serra di Jijel, in Algeria (boulham/Shutterstock.com)

Perché scegliere frutta e verdura di stagione

Prediligere vegetali di stagione ha numerosi vantaggi. La differenza di sapore di un pomodoro cresciuto sotto il sole d’estate e di un altro cresciuto  in una serra, nei mesi invernali, è innegabile. Anche la consistenza e il colore possono essere molto diversi (a meno che il prodotto non sia stato opportunamente trattato, per apparire visivamente migliore). La crescita in un ambiente naturale permetterà lo sviluppo di maggiori capacità nutritive e, di conseguenza, un sapore, un profumo ed una consistenza più intensi.

Consumare alimenti di stagione, nel rispetto del ciclo della natura, risulta non solo economico e sostenibile, grazie all’abbattimento delle spese di coltivazione, di trasporto e di conservazione, ma permetterà al nostro organismo di assumere una gamma maggiore di sostanze nutritive, dovuta ad un’ alimentazione più diversificata, sulla base di ciò che la natura ha da offrirci.