Inquinamento del mare

La pittrice Minoia, infatti, tramite le sue opere, riesce a mostrare empatia per l’ambiente e preoccupazione per il futuro

Nel corso dei secoli, gli artisti hanno sempre raccontato il proprio tempo, facendo trasparire dalle loro opere il momento storico, politico, sociale e culturale in cui si trovavano.

Nonostante il nostro tempo sia difficile da interpretare; l’occhio dell’artista è più volte riuscito a catturare l’essenza di ciò che il mondo mostra, trasformandola in opera d’arte.

In merito a questo tema, la pittrice Graziana Minoia ha raccontato l’inquinamento attraverso un quadro: “Il progetto nasce da un impellente bisogno di esprimere il mio pensiero in merito alle condizioni esagerate e preoccupanti dell’inquinamento ambientale e di conseguenza dell’alimentazione. I temi trattati sono evidenziati con un pizzico di ironia, o meglio, con un drammatico ampliamento dell’effetto dell’inquinamento sull’ambiente”, ha concluso la Minoia.

Tra le sue opere si ricordano “Entità violate”, raffigurante una mela, prodotta in laboratorio e tinta da coloranti artificiali peraltro tossici ed economici; e “Frutti di mare”, in cui pezzi di plastica si confondono in un piatto di spaghetti e cozze.

Con “Frutti di mare”, inoltre, la pittrice ha vinto il primo premio alla “Mostra internazionale di pastello”. con questa opera, la Minoia è riuscita a mostrare sia un problema di estrema attualità, sia l’inquinamento del mare, dove ormai i rifiuti sono parte integrante della vita umana.

Si può concludere affermando come i suoi lavori mostrino empatia nei confronti dell’ambiente e traspirino preoccupazione per il futuro.