Panforte
(Shutterstock.com)

Scopriamo i segreti di un altro dolce natalizio, questa volta proveniente dalla Toscana: il panforte. Ecco la sua storia e preparazione

Il panforte è un dolce natalizio, originario della città di Siena. Inizialmente si trattava di un dolce per nobili, vista la quantità di prodotti, un tempo pregiati, utilizzati per la preparazione. Oggi invece è uno dei dolci più diffusi nel periodo natalizio.

Storia

Le sue origini sono antichissime, le prime testimonianze della sua esistenza risalgono infatti all’anno Mille. Come già detto, ai tempi questa ricetta era di esclusivo consumo di nobili e clero, a causa degli ingredienti utilizzati. Arance, cedri, mandorle e spezie erano infatti considerati beni di lusso un tempo. La ricetta del dolce, che prima veniva chiamato Pane Aromatico o Pan Pepatus, rimase immutata fino a quando, in onore della regina Margherita, venne rivisitato nel panforte che conosciamo oggi. Ovviamente con il tempo si svilupparono anche alcune varianti, come quello nero.

L’importanza di questo dolce e la sua tradizionalità gli valsero nel 2013, la certificazione IGP.

Preparazione

Ecco una facile ricetta, per preparare un ottimo panforte casereccio.

Tostate al forno, per 5 minuti a 180 gradi, 150g di mandorle e 150g di noci pelate, aggiungeteci 120g di canditi (arancia e cedro); versate al composto un cucchiaio di cannella, un cucchiaino di noce moscata, mezzo cucchiaino di semi di coriandolo e 150g di farina. Mescolate il tutto.

Dovrete poi preparare lo sciroppo; per farlo, mischiate a 50g di zucchero a velo, un cucchiaio di acqua e 150g di miele; mettete a cuocere continuando a mescolare. Quando avrà raggiunto una consistenza uniforme, unitelo al composto preparato precedentemente, versandolo in una terrina.

É il momento di dare al nostro dolce la forma desiderata. Foderate una tortiera con alcune ostie, imburrando a dovere per facilitare la successiva estrazione e adagiate il vostro panforte. Il tutto andrà poi in forno per 30 minuti, a 150 gradi. Servite il dolce dopo averlo cosparso di zucchero a velo.

LEGGI ANCHE:
A Natale segui i 5 consigli green del WWF