omega 3
(Shutterstock.com)

Scopriamo i benefici della vitamina F, meglio nota come Omega 3. Ecco in quali cibi è contenuta e perché è chiamata “vitamina della pelle”

Non tutti sanno che dietro al nome di vitamina F, di cui si parla ben poco, si nascondono gli Omega 3. Si tratta di una sostanza liposolubile, che non possiamo produrre da soli, ma che, attraverso l’alimentazione, va ad accumularsi nel nostro organismo, venendo rilasciata poco per volta, quando il nostro corpo ne ha bisogno. Gli Omega 3 sono composti da 2 acidi grassi essenziali: l’acido linoleico e l’acido alfa-linoleico; ai due si aggiunge l’acido arachidonico.

A cosa serve?

La vitamina F ha moltissime funzioni fondamentali per il nostro organismo. Previene l’aterosclerosi, cercando di ostacolare il deposito di trigliceridi e colesterolo che spesso si accumulano nelle arterie, oltre a favorire la giusta fluidità alle nostre membrane cellulari. A molti farà piacere sapere che ha anche la capacità di ridurre il peso corporeo, oltre ad agire per preservare l’integrità di capelli e pelle; questo è il motivo per cui è anche chiamata “vitamina della pelle” ed è utilizzata in molti prodotti cosmetici, come le maschere per il viso. Gli Omega 3 hanno anche un potere antinfiammatorio e sono in grado di prevenire le infiammazioni a muscoli e tendini. Ma non è tutto, perché assumere Omega 3 sarà necessario al fine di una corretta formazione della membrana neuronale, per rallentare l’invecchiamento cerebrale e mantenere una buona memoria. Insomma un vero e proprio toccasana.

In quali alimenti è presente?

Per reperire Omega 3 è necessario assimilare oli vegetali, come quello di girasole, di mais, di soia e di arachidi; ma anche pesce, come acciughe, sgombro, salmone e trota. Ne contengono in buona quantità anche noci, pistacchi e mandorle, ma anche tofu, zafferano e spinaci. Bisogna tenere bene presente che la vitamina F è sensibile al calore e alla luce, motivo per cui gli alimenti che la contengono devono essere protetti dal sole e tenuti il più possibile al fresco, oltre che consumati, se possibile, crudi o con cottura breve.

Carenza ed eccesso

La carenza di Omega 3 è un evento abbastanza insolito, che però può presentarsi più facilmente nei bambini. Questa mancanza porta a secchezza e desquamazione della pelle, oltre all’insorgere di sbalzi emotivi e di disturbi del sonno.

Fortunatamente anche i casi di eccesso sono rarissimi, tanto che ricondurli a rischi precisi è abbastanza complesso.

Per eventuali dubbi è sempre bene contattare uno specialista, in grado di offrire l’aiuto necessario, sulla base delle esigenze personali di ognuno.

LEGGI ANCHE:

L’importanza delle vitamine nell’alimentazione
Vitamina A: proprietà e rimedi in caso di carenza
Vitamine del gruppo B: proprietà e dove trovarle
Vitamina C: proprietà e sintomi di carenza
Carenza di vitamina D: sintomi e rimedi naturali
Vitamina E: proprietà e sintomi di carenza