olio gaultheria bacche bottiglietta
(Shutterstock.com)

Quali sono le proprietà dell’olio essenziale di gaultheria? Scopriamole tutte, insieme agli usi e ad eventuali controindicazioni.

Chiamato anche olio essenziale di wintergreen, l’olio essenziale di gaultheria si ricava da alcune varietà dell’omonima pianta. Nello specifico, quelle più utilizzate sono la gaultheria fragrantissima, che cresce in modo spontaneo nelle foreste del Nepal, e la Gaultheria procumbens, che è originaria del Nord America. A prescindere dalla specie, queste piante si distinguono facilmente grazie alle bellissime bacche rosse e ai fiori. Questi ultimi possono avere una colorazione che va dal bianco al rosa pallido. Un tempo, le sue foglie venivano utilizzate per combattere la febbre e i dolori muscolari.

L’olio essenziale di gaultheria è considerato un vero e proprio antinfiammatorio naturale. Ricco di salicilato di metile, con una percentuale che va dal 95% al 99,9%, è un grande alleato per il benessere dell’organismo. Consigliato per combattere ogni tipo di infiammazione, è efficace per contrastare l’indolenzimento post attività fisica oppure e gli strappi muscolari. Questo olio essenziale è anche un antispastico, un analgesico e un vasodilatatore. Pertanto, è indicato contro contratture, crampi, reumatismi, lividi, tendiniti, traumi esterni (come slogature e contusioni), dolori vari, mal di schiena, artrosi, artrite e per facilitare una corretta circolazione del sangue.

gaultheria pianta fiori bacche
(Shutterstock.com)

Olio essenziale di gaultheria: usi e controindicazioni

Per quanto riguarda gli usi, l’olio essenziale di gaultheria è indicato soprattutto per i diffusori ambientali, in aggiunta all’acqua del bagno e per massaggi localizzati. In questo ultimo caso, ricordate che va sempre diluito con un olio vettore. I massaggi possono essere ripetuti più volte al giorno, fino a quando la problematica in oggetto non sparisce.

Questo olio essenziale presenta controindicazioni per coloro che sono allergici al salicilato di metile, perché potrebbe causare pesanti reazioni cutanee, alle donne in gravidanza e allattamento e ai bambini. Inoltre, se ne sconsiglia l’utilizzo a quanti sono affetti da epilessia, eczemi, ulcera e asma.