olio arancio amaro fiori
(shutterstock.com)

Quali sono le proprietà dell’olio essenziale di arancio amaro? Scopriamole, insieme agli usi e ad eventuali controindicazioni da memorizzare.

Ricavato dal Citrus aurantuim, una pianta appartenente alla famiglia delle Rutaceae, l’olio essenziale di arancio amaro si estrae tramite spremitura a freddo dei frutti essiccati oppure con distillazione in correnti di vapore. L’oleolito ha un profumo dolce, fruttato e fresco. Vanta proprietà che vale davvero la pena conoscere: antisettico, battericida, antimicotico, repellente, eupeptico, carminativo, tonico, spasmolitico, energizzante, rinvigorente, calmante e sedativo.

L’olio essenziale di arancio amaro, quindi, è indicato in caso di: insonnia, ansia, stress e tutti gli stati emozionali che generano paura, digestione lenta, gonfiori addominali, meteorismo e per stimolare la secrezione dei succhi gastrici. Inoltre, se utilizzato per massaggi e trattamenti, riduce le contratture muscolari, tonifica le zone trattate e contrasta acne, psoriasi, eczema e pelle grassa. Dulcis in fundo, è efficace come igienizzante degli ambienti casalinghi, per prevenire la muffa e per allontanare gli insetti.

diffusore aromaterapia
(shutterstock.com/Nastyaofly)

Usi e controindicazioni

L’olio essenziale di arancio amaro può essere utilizzato per la diffusione ambientale, in un bagno rilassante e in aggiunta a cosmetici per la pelle. Per il primo impiego non dovete fare altro che mettere nel diffusore o negli umidificatori del termosifone 1 goccia per ogni mq dell’ambiente in cui si andrà a diffondere. Nella vasca da bagno bastano 10 gocce nell’acqua, mentre per l’uso cosmetico aggiungete 1/2 gocce alla crema idratante che utilizzate quotidianamente.

Per quel che riguarda le controindicazioni, ricordate che quest’olio essenziale è fotosensibilizzante. Pertanto, non si utilizza mai prima e dopo l’esposizione al sole. In quest’ultimo caso devono essere passate almeno 24 ore dall’applicazione. Inoltre, non dimenticate mai che va diluito sempre con un olio vettore e che l’uso prolungato sulla pelle del viso non è consigliato.