centrale nucleare nel Wyoming
(gyn9037/Shutterstock.com)

L’azienda di Bill Gates, TerraPower esperta di nucleare, costruirà una nuova centrale nel Wyoming. Sarà più sostenibile, economico e socialmente indispensabile per la vita del paese

Una nuova centrale nucleare sarà presto realizzata nel Wyoming dall’azienda TerraPower di proprietà di Bill Gates. La sua centrale sarà dimostrativa e costruita a Kemmerer, nel Wyoming, un paese di circa tremila abitanti. Nelle vicinanze sorge già una centrale elettrica con due unità di carbone, ma entro il 2025 dovrebbero essere dismesse. La centrale di TerraPower è stata studiata a lungo e il reattore nucleare “Natrium” è stato oggetto di approfondite analisi riguardanti fattori geologici, tecnici e sociali. Infatti, il reattore darà lavoro a circa duemila persone rispetto alle 400 che attualmente operano nella centrale elettrica. E considerando che Kemmerer conta tremila anime, si raggiunge un risultato sicuramente notevole.

Le innovazioni della centrale nucleare di Bill Gates

Il progetto dell’informatico statunitense è per molti aspetti innovativo oltre che utile ad eliminare definitivamente le centrali a carbone del Wyoming. L’energia pulita fornita, infatti, ridurrà drasticamente le emissioni di anidride carbonica nell’atmosfera. La novità risiede nell’agente di raffreddamento: questo reattore, infatti, sfrutta il sodio liquido al posto dell’acqua, elemento prezioso per la vita terrestre e perennemente in crisi. Il sodio ha infatti un punto di ebollizione più elevato e dunque può assorbire un quantitativo di calore superiore. Così si riduce la pressione nel cuore del reattore e con essa il rischio che possa verificarsi un’esplosione. Ma non solo, la centrale di TerraPower non utilizza generatori esterni per alimentare il sistema di raffreddamento, scongiurando possibili stragi come quella avvenuta in Giappone nel 2011.

In secondo luogo, il reattore è in grado di immagazzinare il calore in cisterne di sale fuso, la cui energia accumulata può essere utilizzata come una batteria che alimenta l’impianto, portandolo da 345 a 500 megawatt. É anche economico e più piccolo rispetto a quelli tradizionali.

Costi e tempistiche

La nuova centrale nucleare dovrebbe costare circa quattro miliardi di dollari ed essere operativa entro il 2028. Costi e tempistiche per il momento sono leggermente superiori rispetto ai futuri impianti, che costeranno solo un miliardo. Le spese saranno sostenute per il 50% da TerraPower e per il restante dal governo degli Stati Uniti, cercando di recuperare il gap che intercorre tra Stati Uniti e Cina. Quest’ultima potenza mondiale sta già costruendo centrali di nuova generazione e sta vendendo la sua tecnologia all’estero. In conclusione, le centrali nucleari saranno fondamentali per combattere i cambiamenti climatici e saranno sostenibili quanto le fonti rinnovabili, quali eolica e solare.