donna mal di testa dolore
(Shutterstock.com)

Ci sono rimedi naturali contro la nevralgia del trigemino? Vediamo quali sono quelli più efficaci e rispolveriamo i consigli della nonna.

Quinto nervo cranico, il trigemino ha origine all’interno del tronco encefalico e si divide in tre rami: oftalmico (occhio, palpebra superiore e fronte), mascellare (palpebra inferiore, guancia, narice, labbro superiore e gengiva superiore) e mandibolare (labbro inferiore, gengiva inferiore, mascella e muscoli della masticazione). La sua funzione è quella di apportare sensibilità al viso e trasmettere impulsi motori e sensoriali ai muscoli della masticazione. Quando il nervo si infiamma si va incontro alla cosiddetta nevralgia del trigemino, un disturbo assai doloroso.

Questa condizione di manifesta con rapidi, continui e ripetuti episodi di dolore intenso, paragonabile ad una scossa elettrica. Interessa il volto, proprio nelle zone del nervo trigemino e, nella maggior parte dei casi, è unilaterale, ossia si manifesta su un solo lato del viso. La nevralgia può colore sia donne che uomini, specialmente dopo i 50 anni. I sintomi, oltre al forte dolore e alle scossette, comprendono: sensazione di intorpidimento, sensazione di formicolio e alterazione della sensibilità.

donna mal di testa
(Shutterstock.com)

Nevralgia del trigemino: rimedi naturali efficaci

Considerando che la nevralgia del trigemino è una problematica che potrebbe essere associata a patologie importanti, la prima cosa da fare è chiedere il parere del proprio medico. Soltanto uno specialista, infatti, può diagnosticare la malattia e individuare la terapia corretta. Per quanto riguarda i rimedi naturali, indossare una fascia in modo da tenere al caldo la zona interessata può aiutare ad alleviare il dolore.

Tra le soluzioni fitoterapiche più efficaci troviamo: spirea, salice, sambuco, boswellia, gemmoderivato dell’acero e fiori di Bach (Impatiens o Vervain). Per quanto riguarda gli oli essenziali, invece, quelli maggiormente indicati sono: cajeput, canfora, chiodi di garofano e sedano. Gli oleoliti, è bene ricordarlo, vanno aggiunti ad un olio vettore e massaggiati delicatamente sulla zona interessata.