shutterstock.com

Ridurre traffico e inquinamento grazie ai veicoli senza conducente e blockchain per pagamenti decentralizzati

L’inquinamento da traffico urbano e il traffico sono situazioni da cambiare per il futuro. Tra le città col peggior traffico europeo, tra l’altro, figurano Napoli (13esimo posto) e Roma (sesto posto); e ancora San Pietroburgo, Mosca e Bucarest, rispettivamente terza, seconda e prima. La capitale romena vanta un tempo di percorrenza superiore del 50%.

Le automobili a guida autonoma e la blockchain sono due tecnologie che puntano a rendere il futuro un mondo con zero code, più spazio e sicurezza per i pedoni e per i ciclisti, spostamenti più veloci e tanta aria pulita, almeno nella teoria. Alcuni veicoli a guida autonomia già esistono e sono pienamente operativi. La tecnologia blockchain, nella fattispecie, punta ad offrire delle transazioni peer-to-peer veloci e senza intermediari. Se infatti le automobili condivise a guida autonoma non richiedono il conducente, gli smart contract di blockchain cancellano le banche, le assicurazioni e persino le compagnie di trasporti. Questi veicoli sarebbero quindi posseduti da privati o da una collettività, che decide di mettere a disposizione il veicolo ai più previo pagamento decentralizzato, una sorta di noleggio 4.0.

La differenza con Uber, quindi, è l’assenza di conducenti e costi dovuti ad intermediari.