visita medico
(Shutterstock.com)

Ci sono rimedi naturali contro la mioclonia? Vediamo quali sono quelli più efficaci e rispolveriamo i vecchi consigli della nonna.

Con il termine mioclonia si indicano una serie di disturbi del movimento che causano una contrazione muscolare brusca e involontaria, sia singola che ripetuta. Solitamente, possono riguardare una sola zona corporea oppure più aree distanti tra loro, anche se nella maggior parte dei casi interessano i muscoli del tronco o delle estremità. Ad oggi, non si conosce ancora il motivo per cui questa problematica si origina, ma sembra che sia da rintracciare in uno stato di ipereccitazione delle cellule nervose. Questo è spesso causato da malattie a carico del sistema nervoso centrale o sistemico, come: epilessia, patologie neurodegenerative, demenza, intossicazione e stati ipossico-ischemici.

Il sintomo principale della mioclonia è chiaro: scosse improvvise, involontarie e rapide, come il singhiozzo o il tremore palpebrale, oppure scosse che coinvolgono più gruppi muscolari o tutto il corpo. I tremori possono essere singoli oppure ripetuti nell’arco di un tempo molto breve. A questi disturbi si possono aggiungere: stanchezza cronica e generalizzata, senso di affaticamento, tachicardia e sudorazione.

camomilla infuso fiori
(Shutterstock.com)

Mioclonia: rimedi naturali efficaci

La diagnosi di mioclonia avviene dopo una serie di esami neurologici e radiologici e indagini di laboratorio. Per quanto riguarda la cura, dipende dalla gravità e dal tipo di malattia (corticale, sottocorticale, sovraspinale, spinale e periferica). Quando la problematica è lieve tende a scomparire spontaneamente, con i sintomi che possono facilmente essere tenuti sotto controllo. Prima di stabilire una terapia, il medico deve individuare la causa scatenante e concentrarsi soprattutto su essa. In ogni modo, se la la mioclonia non è patologica non è necessario nessun trattamento specifico.

Purtroppo, per combattere questa problematica non ci sono rimedi naturali efficaci. I farmaci più utilizzati sono: anticonvulsivanti, antiepilettici, miorilassanti, sedativi e tranquillanti. Volendo, si possono consumare tisane rilassanti, come la camomilla, ma non si otterranno grandi risultati.