shuttestock.com

Irena e la diffusione del Mini-grid nelle isole stato

Irena ha creato una piattaforma online – Project Navigator – che fornisce tutte le conoscenze e gli strumenti per guidare lo sviluppo di mini grid. Ciò per raggiungere l’obiettivo di garantire l’erogazione energetica a tutti (obiettivo preposto dall’ONU) e per ridurre le emissioni.

Il nuovo servizio di Irena si rivolge principalmente alle SIDS (Small Island Developing States), ovvero a quelle piccole isole-stato che, attraverso lo sviluppo di mini grid, possono trasformare e migliorare il proprio settore energetico in modo da soddisfare più agevolmente il fabbisogno di elettricità delle popolazioni. Isole come le Fiji potrebbero avere un accesso più facile e costante di elettricità in modo da potersi sviluppare. Ricordiamo che nel 2040 circa 600 milioni di persone – ovvero 10 volte la popolazione italiana, circa il 10% della popolazione mondiale – non avranno accesso alla corrente elettrica.

Irena

È per questo che Irena dichiara che è necessario accelerare sul versante dello sviluppo di mini grid, proprio perché l’ostacolo maggiore verso lo sviluppo energetico di determinati Paesi sta nella mancanza di infrastrutture in grado di garantire l’accesso alla corrente elettrica anche in zone remote.

Come ha voluto sottolineare a proposito dello sviluppo di mini grid Simon Benmarraze, un analista di Irena impiegato in Project Navigator, «è necessario prima di tutto avere aspettative realistiche e determinare obiettivi precisi […] le mini grid sono l’opzione migliore per le isole, dove non è sempre possibile puntare su reti estese. Ogni singola isola presenta le sue complessità, e richiede molto spesso di conseguenza una soluzione totalmente differente».