shutterstock.com

Arrivano le nuove finestre smart che cambiano colore in base alla luce da cui sono colpite

Dalla Corea del Sud arriva l’ultima frontiera delle smart windows. Una ricerca del Korea Institute of Energy Research (KIER) ha dato vita a finestre tecnologiche che non hanno bisogno di energia esterna, ma sfruttano uno strato che assorbe la luce solare per produrre forza elettromotrice.

Caratteristiche

Queste finestre combinano la tecnologia delle celle solari con quella elettrocromica. Parliamo di un sistema composto da materiali capaci di mutare in maniera reversibile il proprio comportamento ottico in risposta ad uno stimolo elettrico; una capacità che nella pratica può essere sfruttata per creare finestre che cambino colore su richiesta, passando da chiaro a scuro in pochi minuti, o modifichino l’opacità per regolare il passaggio dei raggi solari. Sistemi di questo tipo richiederebbero di norma energia esterna, ma qui, come enunciato all’inizio, si sfrutta la stessa luce solare per far funzionare i materiali elettrocromatici, così da abbassare notevolmente i costi di produzione fino al 50%.

Le finestre che cambiano colore

Il vetro

Il nuovo vetro contiene un film assorbitore di luce in ossido di titanio, uno strato di ossido di tungsteno in grado di cambiare colore e un elettrolita contenente un mediatore redox. In parole povere, tutto questo consente di avere in casa una finestra in grado di controllare da sola quanta luce deve entrare nell’abitacolo, e lo fa in modo sostenibile senza consumi di corrente. “Il governo ha fissato una road map che obbliga gli edifici a puntare all’obiettivo energia zero dopo il 2020 […] Questa tecnologia fotosensibile di conversione automatica dei colori ha l’effetto di bloccare il calore quando la luce del sole è più forte, quindi può migliorare l’efficienza energetica di un edifico. Siamo convinti che contribuirà alla costruzione di una futura città intelligente combinando la tecnologia delle celle solari e l’elettrocromia in un solo dispositivo” commenta Han Chi-hwan, responsabile del progetto.