shutterstock.com

Come le case in legno si dimostrano versatili e vassalle dell’edilizia sostenibile

Con la bioedilizia le strutture in legno sono diventate sempre più centrali e non relegate a sole strutture montane. Il legno è infatti capace di competere con acciaio e cemento, con l’aggiunta di essere più sostenibile, isolare meglio termicamente, avere migliori proprietà antisismiche.

In Italia la regione pioniera nel settore delle case in legno è il Trentino Alto Adige. Facilitati dalla disponibilità di legname, le case in legno trentine sono diventate sinonimo di sostenibilità, resistenza e comfort abitativo. Questi tre elementi sono i pilastri su cui si basa l’attività di Rasom, storica azienda trentina, nata come falegnameria e diventata oggi una delle aziende leader nelle soluzioni “chiavi in mano” delle case in legno.

Vantaggi legno

Gli stereotipi sul legno sono ancora forti e fungono da freno inibitore. In particolare si pensa sia un materiale debole e che rischi di bruciare facilmente. In realtà questo materiale gode di gradi potenzialità. le sue alte proprietà isolanti termiche derivano da due fattori: la bassa conducibilità termica ed il suo elevato calore specifico. All’interno del legno, il calore ha una velocità di propagazione molto bassa per cui le case in legno hanno un clima interno ideale, sono molto calde d’inverno e molto fresche d’estate. Un mito da sfatare è legato alla resistenza del legno, poiché si tratta di un materiale estremamente leggero si pensa che gli edifici siano poco stabili. Si tratta di una informazione del tutto errata visto che la case in legno hanno una rigidezza molto bassa e sono in grado di assorbire perfettamente l’energia sprigionata da un terremoto.

Per confermare questa caratteristica il CNR- IVALSA (Istituto per la valorizzazione del legno e delle specie arboree) con il sostegno della Provincia autonoma di Trento, ha avviato il progetto SOFIE (Sistema Costruttivo Fiemme). Si tratta di un progetto di ricerca sull’edilizia sostenibile che ha lo scopo di definire prestazioni e potenzialità di un sistema per la costruzione di edifici a più piani, realizzato con struttura portante di legno trentino di qualità certificata. Le case in legno trentine sono caratterizzate da elevate prestazioni meccaniche e basso consumo energetico, ottimi livelli di sicurezza al fuoco e al sisma, comfort acustico e durabilità nel tempo. 

Costi

Ai vantaggi visti sino ad ora vanno anche aggiunti i costi ridotti e i ristretti tempi di realizzazione. In base al tipo di legno utilizzato e al tipo di tipologia costruttiva impiegata, i prezzi variano da circa 150€ al mq fino ad arrivare a 1.000€ con tempi di realizzazione che vanno dai due ai sei mesi. Pensando alle case in legno in termini di svantaggi sicuramente occorre citare i limiti costruttivi e le ridotte modifiche progettuali (eliminare una parete in un secondo momento richiede una spesa importante). Anche le spese di manutenzione sono da annoverare tra gli aspetti poco vantaggiosi. È consigliabile una manutenzione annuale per garantire una protezione costante dai fenomeni atmosferici e dalle infiltrazioni di acqua.