Cascata Dynjandi

Al primo posto nel libro “Best in Travel” si piazza il luogo in cui i paesaggi islandesi raggiungono l’apice dello splendore

Come da tradizione, anche quest’anno Lonely Planet, la bibbia dei viaggiatori di tutto il mondo, con il libro “Best in Travel”, ha svelato i 10 migliori paesi, città e regioni, che praticano il turismo sostenibile, da visitare il prossimo anno. Al primo posto della classifica delle 10 regioni più sostenibili al mondo, si piazzano i Fiordi Occidentali, in Islanda.

Fiordi Occidentali

Collegati al resto del Paese da un piccolo istmo di 7 chilometri, i Fiordi Occidentali islandesi costituiscono con i loro panorami mozzafiato, i ghiacciai, le cascate e le imponenti maree, la regione più affascinante, selvaggia e remota dell’isola. Regno di diverse specie animali, sono il luogo in cui i paesaggi islandesi raggiungono l’apice dello splendore e il turismo di massa scompare (solo il 10% dei viaggiatori infatti, visita questa regione).

Nell’estremo nord, la riserva dell’Hornstrandir è la perla di questa regione, percorsa da sentieri segnati da cumuli di pietre lungo i quali si possono osservare uccelli e volpi artiche, e ammirare scorci del mare. Qui l’atmosfera è surreale, con suggestivi paesini che si affacciano sul mare e le sorgenti geotermali, che fanno venire voglia di rimanerci per sempre.

Sono diverse le tappe obbligatorie di questa regione. Innanzitutto vale la pena visitare la cascata Dynjandi. Denominata anche “Il velo della sposa” per il manto bianco d’acqua che ne ricopre la parete rocciosa, è una delle cascate più belle dell’Islanda, sebbene meno conosciuta rispetto a Gullfoss e a Skógafoss. Le scogliere di Látrabjarg poi, sono il luogo ideale per avvistare le pulcinelle di mare islandesi, oltre ad altri uccelli.

Ísafjörður, la città più grande e viva dei Fiordi Occidentali, è un luogo pittoresco, ideale per organizzare la propria visita della regione islandese, mentre sulla penisola di Hvitanes si possono ammirare le foche e diverse varietà di uccelli. Anche le terme di Pollurinn costituiscono una delle tappe obbligate, grazie al magnifico paesaggio che le circonda. Hólmavík infine, è la località ideale in cui riposare prima di intraprendere un tour dei Fiordi Occidentali. Inoltre, vanta un passato ricco di misteri e leggende.

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco la top ten di “Best in Travel”
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Isole Cook
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Norveglia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Mauritius
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Belize
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Slovenia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Anguilla
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Oman
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Nepal
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Malawi
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Egitto
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Auckland
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Taipei
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Friburgo
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Atlanta
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Lagos
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Nicosia/Lefkosia
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Dublino
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Mérida
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Firenze
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Gyeongju