Friburgo, Germania (Shutterstock.com)

Al terzo posto nel libro “Best in Travel” si piazza la bellissima cittadina a sud della Germania, famosa per la sua green economy

Come da tradizione, anche quest’anno Lonely Planet, la bibbia dei viaggiatori di tutto il mondo, con il libro “Best in Travel”, ha svelato i 10 migliori paesi, città e regioni, che praticano il turismo sostenibile, da visitare il prossimo anno. Al terzo posto della classifica delle 10 città più sostenibili al mondo, si piazza Friburgo, in Germania.

Friburgo

Friburgo, bellissima cittadina nel cuore della foresta Nera (Baden Wuttenberg) è un chiaro esempio di turismo della sostenibilità. A partire dagli anni ’90 ha infatti, iniziato ad ideare un progetto con l’obiettivo di rendere la città un luogo dove vivere in modo più sostenibile. 

Qui, come bene racconta Ecobnb, il primo passo verso la sostenibilità si è concretizzato con la realizzazione degli edifici green a basso impatto ambientale e con l’introduzione dal 2011 di uno standard di casa passiva per tutti gli edifici residenziali. Grazie all’isolamento termico, le abitazioni di Friburgo sono in grado di risparmiare gran parte del fabbisogno di energia che sarebbe richiesto per riscaldare o raffreddare l’ambiente interno. Questo è reso possibile semplicemente dall’isolamento, senza alcun impianto di riscaldamento “convenzionale”. 

Il progetto prevede poi, anche un piano di mobilità urbana per migliorare la qualità della vita e il benessere dei cittadini senza compromettere lo sviluppo della città. Il mezzo di trasporto principale è la bicicletta, con la quale ci si può spostare comodamente, grazie ai 500 km di pista ciclabile. Inoltre, la zona della città conosciuta come Village Solar sfrutta le 1800 ore di sole all’anno per generare energia grazie all’uso di 1800 pannelli solari, producendo così più di 4 volte l’energia che consuma. 

A Friburgo poi, sono stati costruiti dei veri e propri eco quartieri. Vauban, progettato dell’architetto tedesco Rolf Disch, è il quartiere modello per la pianificazione urbana e si è sviluppato grazie alla consapevolezza ambientale e alla partecipazione dei cittadini diventando il simbolo della città sostenibile e della sua alta qualità della vita. 

Weingarten, un vecchio quartiere degli anni ’60 è stato invece riqualificato ed è stato realizzato “Buggi 50”, il più alto edificio ristrutturato con standard passivo al mondo. Rieselfeld infine, è un quartiere eco-friendly ad alta densità abitativa ma a stretto contatto con la natura, che sfrutta l’energia rinnovabile. Tutte le case sono dotate di pannelli solari che producono più energia di quanta ne consumano. 

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco la top ten di “Best in Travel”
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Isole Cook
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Norveglia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Mauritius
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Belize
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Slovenia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Anguilla
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Oman
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Nepal
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Malawi
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Egitto
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Auckland
La top ten delle città più sostenibili secondo Lonely Planet: Taipei