Auckland, Nuova Zelanda (Shutterstock.com)

Al primo posto nel libro “Best in Travel” si piazza la città della Nuova Zelanda rinomata per i suoi vigneti, le spiagge e i ristoranti raffinati

Come da tradizione, anche quest’anno Lonely Planet, la bibbia dei viaggiatori di tutto il mondo, con il libro “Best in Travel”, ha svelato i 10 migliori paesi, città e regioni, che praticano il turismo sostenibile, da visitare il prossimo anno. Al primo posto della classifica delle 10 città più sostenibili al mondo, si piazza Auckland in Nuova Zelanda.

Auckland

Auckland è la città più popolosa della Nuova Zelanda. Fu fondata nel 1840 dal governatore William Hobson come capitale del governo coloniale e prese il nome da George Eden, conte di Auckland, primo signore britannico dell’Ammiragliato e poi governatore generale dell’India. Auckland ha anche la più grande concentrazione di indigeni del paese Maori e conta un gran numero di polinesiani provenienti da altre isole del Pacifico meridionale.

Auckland offre al visitatore una bellissima foresta pluviale, parchi e spiagge, vicini al centro della città. Il Waitakere Ranges Regional Park a ovest del centro cittadino, ha più di 250 chilometri di sentieri per passeggiate ed escursioni attraverso la lussureggiante foresta pluviale, oltre a delle magnifiche cascate. Ad Auckland poi, non si è mai lontani dal mare. Qui è possibile praticare surf sulla selvaggia costa occidentale, sulle spiagge di Karekare, Piha, Te Henga (Bethells), Muriwai e altre ancora. A nord si trovano invece, le vaste sabbie dorate e le acque limpide di Tāwharanui e Pakiri. A soli 15 minuti di auto dal centro città, è possibile visitare Mission Bay, Kohimarama o St Heliers. 

Assolutamente da non perdere, il magnifico Golfo di Hauraki e le sue bellissime isole. Il gioiello del golfo è l’isola di Waiheke, un’oasi di vigneti, uliveti, spiagge e ristoranti raffinati, a soli 40 minuti di traghetto dal centro di Auckland. Per un’emozionante gita di un giorno, si possono scoprire la storia e le insenature sabbiose dell’isola di Rotoroa, esplorare il santuario della fauna selvatica all’aperto dell’isola di Tiritiri Matangi o scalare il cono vulcanico dell’isola di Rangitoto. Oppure, con un aereo leggero è possibile arrivare fino alla Great Barrier Island, rinomata per la sua aspra bellezza e la natura incontaminata.  

Auckland ha una grande varietà di ristoranti, caffè e bar per tutti i gusti e tutte le tasche. Nel centro della città si trovano ristoranti moderni a Britomart, Federal Street e City Works Depot. Qui è possibile cenare sul bellissimo lungomare, nei quartieri di Viaduct Harbour e Wynyard Quarter. La città ha poi tre principali regioni vinicole, dove vino superbo e paesaggi mozzafiato vanno a braccetto. Da visitare l’isola di Waiheke, conosciuta come “l’isola del vino” per le sue 30 cantine e vigneti. A nord della città, è possibile scoprire le cantine boutique di Matakana, immerse nella pittoresca campagna costiera. Kumeu a ovest ospita i vigneti più antichi di Auckland ed è circondato da orti e prodotti biologici.  

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco la top ten di “Best in Travel”
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Isole Cook
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Norveglia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Mauritius
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Belize
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Slovenia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Anguilla
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Oman
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Nepal
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Malawi
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Egitto