Città Maya di Lamanai in Belize (Shutterstock.com)

Al quarto posto si piazza quello che è considerato uno dei paesi meglio conservati del Sudamerica, culla della civiltà Maya

Come da tradizione, anche quest’anno Lonely Planet, la bibbia dei viaggiatori di tutto il mondo, con il libro “Best in Travel”, ha svelato i 10 migliori paesi, città e regioni, che praticano il turismo sostenibile, da visitare il prossimo anno. Al quarto posto della classifica dei 10 paesi più sostenibili al mondo, si piazza Belize.

Belize

Il Belize è formato da diverse isole ricche di spiagge e scogliere incuneate tra il Messico e il Guatemala. È uno dei paesi più piccoli e meglio conservati del Sudamerica, ed offre la possibilità di scoprire l’antica civiltà dei Maya. È sicuramente la destinazione ideale per chi ama l’ecoturismo, qui infatti, oltre un terzo del territorio è stato dichiarato Area Protetta e si divide tra montagne, mare, bananeti e foreste pluviali dove sorgono siti archeologici. In pianura si attraversano campi coltivati che si alternano alle caratteristiche fazendas.

In Belize poi, si trova una tra le più grandi barriere coralline dell’emisfero settentrionale: la Belize Barrier Reef, la continuazione della barriera corallina che si estende per 900 chilometri lungo le coste dello Yucatan e del Belize. All’esterno si adagiano i tre atolli corallini, Turneffe Islands, Lighthouse Reef e Glover’s Reef. Da non perdere il Great Blue Hole, una grande dolina sottomarina; Ambergris Caye, il principale centro del turismo marino; Caye Caulker e Caye Chapel.

Il Belize Zoo & Tropical Educational Center è un parco dove gli animali vivono in semilibertà in un ambiente che ripropone un perfetto ecosistema. Tra i più interessanti centri archeologici con rovine della civiltà Maya ci sono Altun Ha, che è il più importante, Xunantunich, Nim Li Punit, Lamanai e LubaantunBelize City è la maggiore città del paese oltre ad essere la vecchia capitale. Da vedere qui sono la Cattedrale cattolica del Santissimo Redentore, la Cattedrale anglicana di San Giovanni e lo Swing Bridge, l’ultimo ponte al mondo ancora manovrato a mano.

A proposito di turismo sostenibile, il Belize ha avviato nuove pratiche all’interno della propria offerta gastronomica in un’ottica più sostenibile. Alcune di queste misure includono la sostituzione della plastica monouso con utensili a base di metallo e l’introduzione del sistema “dalla fattoria alla tavola”, un’iniziativa che permette ad alberghi e ristoranti di coltivare nel proprio giardino i prodotti che andranno poi a utilizzare in cucina, mentre i turisti avranno la possibilità di vivere nuove esperienze, partecipando alle vendemmie e scegliendo i prodotti che assaggeranno. Il Belize inoltre, attua dal 2016 il programma “Fish Right, Eat Right”, che promuove la pesca sostenibile e combatte quella illegale.

Leggi anche:

Turismo sostenibile, ecco la top ten di “Best in Travel”
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Isole Cook
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Norveglia
La top ten dei paesi più sostenibili secondo Lonely Planet: Mauritius