Fattoria Celle
Kangaroo, Public domain, via Wikimedia Commons

Un parco ambientale che ospita 80 opere di arte ambientale realizzate da artisti provenienti da ogni parte del mondo.

La Fattoria di Celle è uno dei più celebri parchi ambientali noto a livello internazionale: allestita, a partire dal 1982, da Giuliano Gori, un importante collezionista di opere d’arte contemporanea, nella sua villa a Santomato, in provincia di Pistoia.

Insoddisfatto del modo tradizionale in cui sono esposte le opere d’arte, Gori comincia a pensare alla possibilità di chiamare degli artisti per dare vita al suo progetto di arte ambientale.

Mette a punto uno speciale regolamento etico che tuteli sia l’ambiente che il manufatto artistico: l’ambiente del parco deve essere rispettato sia nelle specie vegetali che nella sua morfologia del territorio. Tutto è strutturato secondo criteri rigorosamente ambientali, con attenzione ai cambiamenti della luce e della vegetazione a seconda delle stagioni.

Le opere d’arte devono essere realizzate in armonia con la natura; ogni artista può scegliere il proprio luogo all’interno del parco lasciandosi inspirare dalla natura e lì deve comporre l’opera. L’opera è creata con materiali durevoli e non effimeri; i lavori devono essere inamovibili e non possono essere privati del loro ambiente.

L’installazione, dunque, diventa parte integrante del paesaggio. Lo spazio cessa di essere semplice contenitore per assumere quello più importante di parte integrante dell’opera.

E’ un laboratorio museo dove, attraverso le installazioni, si esalta il binomio natura e arte e le opere diventano sia oggetti di studio di per sé ma allo stesso tempo, sono anche una lente speciale per guardare le altre opere o il paesaggio stesso.