Il palazzo UnipolSai a Milano

Il nuovo edificio della UnipolSai di Milano gode di una facciata mangia smog in grado di ridurre l’inquinamento della zona

Al quartiere Isola di Milano (lo stesso zona del Bosco Verticale) sussiste un’altra importante novità. Si tratta di un progetto di riqualificazione ideato dallo studio Progetto CMR: un immobile abbandonato che ospiterà la nuova sede di UnipolSai e che godrà di una facciata mangia smog che, insieme ad un parco di 2mila mq di verde, garantiranno un abbassamento dell’inquinamento locale del 50%.

Caratteristiche

La struttura sarà costituita da due corpi di fabbrica rispettivamente di 53 e 15 metri di altezza. La facciata mangia smog sarà garantita da pannelli vetrati prismatici a differenti inclinazioni, in modo da favorire il massimo ingresso di luce naturale negli ambienti nelle diverse ore della giornata. Parte delle superfici esterne verranno poi trattate con biossido di titanio; Il materiale sarà in grado di innescare un processo fotocatalitico che permetterà lo “scioglimento” degli agenti inquinanti, per la precisione si ipotizza una riduzione di 36 Kg di azoto all’anno.

Impianti

Gli impianti saranno di ultima generazione. Per la produzione energetica è previsto un fotovoltaico integrato composto da un film in silicio ad alte prestazioni, per una produzione di circa 40.000 kWhel/anno di energia pulita, che eviterà l’immissione in atmosfera di 13 tCO2/anno. Si sfrutterà anche l’energia geotermica grazie ad una pompa di calore ad acqua di falda.
Il tutto sarà circondato da una grande area verde di 2000 mq in grado di assorbire 12 tonnellate di CO2 l’anno.