(Shutterstock.com)

La colazione salata

Quando si visitano Paesi oltremanica e ci si ritrova a far colazione una domanda tipica è di scegliere tra una colazione inglese oppure continentale. Dove per continentale è solitamente intesa la colazione, tipica fino a poco tempo fa, frugale ed essenziale, a base di una bevanda e di un dolce. Nella cultura gastronomica nordica la colazione non è unicamente dolce e la proposta ha sempre incluso il salato che può far storcere il naso a chi è abituato a iniziare la giornata con l’esatto opposto. Eppure l’alimentazione può essere modificata. Si possono variare le colazioni nell’arco della settimana visto e considerato che sul fronte nutrizionale sono subentrate nuove abitudini e indicazioni altrettanto valide per preparare l’organismo e curare il pasto principale della giornata. Ecco alcune idee per introdurre il salato a colazione.

Toast

I toast possono essere combinati con dell’affettato oppure con il miele, lo sciroppo d’agave, confetture e marmellate fatte in casa. Per proporli in versione invitante si possono modellare a forma di cuore e preparati con del pane avanzato.
Un toast caldo è una buona base per della ricotta fresca a cui aggiungere una spolverata di cannella sopra.

Pancake

I pancake integrali non sono poi così difficili da preparare. Inoltre possono essere realizzati il giorno prima e riscaldati la mattina per procedere in seguito alla decorazione e alla farcitura in base ai propri gusti.

Le omellette

Le uova saziano e sono molto nutrienti. Le omelette si possono mangiare semplici oppure con della pancetta affumicata tagliata sottile e posta sulla superficie superiore. Si possono anche arrotolare a fine cottura.
Per i più audaci le uova si possono mangiare alla coque con crostini di pane abbrustolito.

Cereali, muesli, fiocchi di avena o farro

Una bevanda a scelta (latte, caffellatte, tè oppure spremute) potrebbe essere affiancata da cereali, muesli, fiocchi di avena o farro.

I frullati per la stagione fredda

Anche l’inverno ci offre frutta che può essere adoperata per frullati in aggiunta a carote o sedano. Naturalmente la frutta contiene zucchero quindi va scelta quella meno zuccherina o in quantità moderate.

La frutta secca

Infine la frutta secca: basta una manciata in modo tale da fornire all’organismo vitamine e sali minerali.

Ti potrebbe interessare

Omelette per colazione
I pancakes: un dolce di importazione americana che ha origini greche