Roma, Garbatella. Teatro Palladium
Roma, Garbatella. Teatro Palladium (Angelo Giampiccolo/shutterstock.com)

All’entrata del quartiere Garbatella un edificio che racconta la storia dell’architettura e delle arti: il Teatro Palladium. 

Garbatella, piazza Bartolomeo Romano. Progettato nel 1927 dall’architetto Innocenzo Sabbatini, il Teatro Palladium nasce con l’intento di creare abitazioni a sostegno della zona industriale del quartiere Ostiense. Il progetto, voluto dall’Istituto Case Popolari, doveva ospitare un cinema/teatro e abitazioni private poste su sei piani

Il Palladium si affaccia su una piazza in cui erano presenti anche i Bagni Pubblici, progettati sempre dallo stesso Sabbatini. Erano posti al piano terra e nel seminterrato di un edificio polifunzionale e rimasero in uso fino agli anni ’60.

Rispetto ai precedenti interventi nel quartiere ad opera dell’Istituto Case Popolari, qui si vede un cambio di genere. Lo stile classico monumentale – che si rifà ai ritrovamenti di quegli anni dell’antica Roma e Ostia – prevale sul “barocchetto”. Ciò lo si ritrova anche nel basamento dell’edificio dei Bagni Pubblici che trae ispirazione della casa di Diana a Ostia Antica.

L’architetto, infatti, utilizza elementi stilizzati dell’architettura romana. Il prospetto principale del Palladium è arrotondato e scandito da tre archi inquadrati da quattro colonne. L’elemento di raccordo tra la sala circolare e le residenze è un mezzanino ritmato da finestre centinate e speroni in aggetto. Infine il coronamento è costituito da un’altana colonnata e un timpano.

Il teatro può ospitare circa 500 persone e diversi sono stati gli eventi e gli spettacoli svoltisi. Nel 2000, però, a causa dell’inquinamento acustico ai danni dei residenti dell’edificio, fu chiuso. Per salvarlo dalla sua trasformazione in una sala Bingo fu preso in affitto e poi acquistato, nel 2001, dall’Università di Roma Tre. Divenne, così, uno spazio a disposizione degli studenti del DAMS (Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo) e dei cittadini.

A seguito del restauro – in cui fu ripristinato, internamente ed esternamente, il colore rosso-bruno – il Palladium fu inaugurato nel 2003, alla presenza del Presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi.