Roma, Terme di Caracalla
Roma, Terme di Caracalla (wikimediacommons.org)

Giuseppe Penone fa il suo ingresso alle Terme di Caracalla con un progetto che si inserisce nel monumento e nel suo paesaggio che preserva le imponenti rovine: “Idee di pietra. Giuseppe Penone a Caracalla”.


Fino al 30 ottobre si può visitare “Idee di pietra. Giuseppe Penone a Caracalla”, un intervento promosso dalla Soprintendenza Speciale di Roma, diretta da Daniela Porro, prodotto da Electa e curato da Francesco Stocchi.

Le opere


L’artista ha scelto di inserire le quattro le opere nel percorso di visita delle Terme di Caracalla, collocandole nell’antica natatio, dove abbracceranno il visitatore mentre la attraversa. Identity (2019 – alluminio, bronzo), Triplice (2011 – bronzo, pietre di fiume), Idee di pietra, Olmo (2008 – bronzo, pietre di fiume) e Idee di pietra, Ciliegio (2011 – bronzo, pietre di fiume) sono alberi senza tempo, ma che il tempo racchiudono e raccontano attraverso il lavoro dell’artista.

La mostra


È lo stesso artista a spiegare in un suo scritto che “non è permesso all’albero dimenticare: sono i contorcimenti, il suo equilibrio, la ripartizione armoniosa delle sue masse, la sua perfezione statica, la freschezza del suo modellato, la purezza della sua struttura unita al carattere compatto della sua superficie di bronzo, che ne fanno una scultura vivente”.


L’albero in natura con il passare del tempo diviene scultura in sé, cerchio dopo cerchio inciso nel tronco che conta il trascorrere degli anni e dei secoli. Così come l’acqua leviga i sassi nei millenni, scolpendoli. Penone plasma la materia in un gesto che avvicina l’uomo alla natura.

Un cammino creativo che caratterizza tutto il procedere di Giuseppe Penone a cui si accompagnano, quando non ne è preceduto, parole e pensieri per la prima volta pubblicati in questa occasione in Italia. In concomitanza con il progetto alle Terme di Caracalla, infatti, Electa presenta gli scritti di Giuseppe Penone nel volume “Respirare l’ombra”.


I rami delle sculture di Penone si dispiegheranno e brilleranno di luce naturale riflessa sul metallo, in un contesto intriso di quotidianità: le Terme Antoniniane che erano il luogo del piacere dei Romani. Quella vita antica, eppure così moderna, che si prendeva cura dell’igiene del corpo e della mente.

È in questo spazio socio-politico così evoluto nello spirito, peculiarità delle terme romane, che si integra il contributo dell’artista piemontese nel progetto avviato da tempo dalla Soprintendenza Speciale di Roma, che accoglie con regolarità l’arte contemporanea sempre attento alla valorizzazione della storia del monumento.


“Arte del tempo, nella misura in cui è un’arte dello spazio”, è stato scritto sul lavoro di Penone, che trova in questo luogo, le Terme di Caracalla, una simbiosi con il suo pensiero artistico.

Dove

Terme di Caracalla

Quando

Fino al 30 ottobre 2022

Informazioni

info@coopculture.it