Il divieto è lecito se a prevederlo è il regolamento condominiale

La sentenza della Cassazione pubblicata il 7 ottobre 2020, stabilisce che il condominio può opporsi all’apertura di un Bed and Breakfast se il regolamento condominiale prevede il divieto per le attività commerciali. Una pronuncia che ha trovato conferme negli anni, davanti ai diversi casi di apertura di affittacamere o Bed and Breakfast all’interno di contesti condominiali.

La normativa

Stando alla normativa, quindi, per aprire un Bed & Breakfast in un condominio è necessaria l’autorizzazione dell’assemblea condominiale, che può per legge opporsi qualora il regolamento preveda il divieto di svolgere attività commerciali. Si considera in sintesi contrapposta alle finalità abitative del condominio l’apertura di un B&B, mentre questa attività rientra perfettamente in quelle di tipo commerciale perché assimilata a quella alberghiera. 

Il divieto nel regolamento deve apparire in termini espliciti e chiari, riferendosi in modo specifico alle attività di B&B o affittacamere, con la finalità di vietare attività di genere commerciale.