genziana radici ciotola
(Shutterstock.com)

Quali sono le proprietà della genziana? Scopriamole tutte, insieme agli usi e alle controindicazioni da tenere bene a mente.

Appartenente alla famiglia delle Gentianacee, la genziana maggiore o genziana gialla, il cui nome scientifico è Gentiana lutea, è una pianta erbacea perenne che cresce nelle regioni alpine e subalpine tra i 1000 e 2500 metri di altitudine. Con un fusto eretto che può crescere fino ad un metro di altezza, ha foglie ovali e nervate e fiori grandi di colore giallo che formano una specie di pannocchia. Il frutto, invece, è una capsula. E’ bene sottolineare che si tratta di una specie rara e protetta, motivo per cui la sua raccolta è regolamentata.

Esistono circa 400 varietà di genziana e quasi tutte hanno lo stesso portamento, ma differiscono per il colore dei fiori. Alcune specie vengono utilizzate nelle varie medicine tradizionali, mentre altre a scopo ornamentale. Come rimedio naturale si usa la radice, che contiene quasi 600 metaboliti, come: flavonoidi, fitosteroli e fenoli. La pianta vanta proprietà amaro-toniche, stimolanti, aperitive, antinfiammatorie, antiossidanti ed epatoprotettive. E’ consigliata per migliorare i processi digestivi e le funzioni del fegato, per stimolare l’appetito, come ricostituente durante la convalescenza e in caso di influenza. Inoltre, è efficace anche per contrastare i disturbi dal dolore cronico, come quelli dell’artrite, dei reumatismi e delle patologie del fegato. Esternamente, invece, è indicata per curare: eczemi, brufoli, ferite che guariscono con difficoltà o infette, ulcere e ustioni.

genziana piante fiori
(Shutterstock.com)

Genziana: usi e controindicazioni

In erboristeria, la genziana viene impiegata soprattutto per preparare infusi, estratti secchi o fluidi e tintura madre. Per quanto riguarda la posologia e la durata del trattamento, è bene seguire le indicazioni dell’erborista o del medico di fiducia. In base al beneficio che si vuole ottenere, infatti, variano le dosi, le tempistiche e le modalità di assunzione. Generalmente, il trattamento non deve mai essere più lungo di due settimane.

Per quanto riguarda le controindicazioni, la genziana è consigliata un rimedio naturale sicuro, ma le persone allergiche ad uno o più dei suoi componenti se ne dovrebbero tenere alla larga, così come le donne in gravidanza e allattamento. Allo stesso modo, è sconsigliata alle persone sensibili in quanto l’assunzione potrebbe causare mal di testa e a coloro che soffrono di ulcera gastrica e duodenale, iperacidità gastrica, ernia iatale, esofagite e ipertensione.