Frutta di novembre
(Shutterstock.com)

In questo freddo periodo dell’anno, sulle nostre tavole faranno capolino cibi nuovi. Scopriamo la frutta di novembre

Il crollo delle temperature che è solito verificarsi in questo periodo dell’anno sta mettendo alla prova il nostro organismo, che dovrà sopportare repentini sbalzi termici e un abbassamento generale delle temperature. Raffreddori ed influenze sono purtroppo molto diffuse negli ultimi mesi dell’anno, per questo dobbiamo trovare un modo per contrastarli. Il metodo migliore rimane sempre lo stesso: un’alimentazione sana e bilanciata. Fortunatamente la natura ci mette sempre a disposizione i prodotti giusti. Scopriamo allora la frutta di novembre, in grado di donarci tutti i nutrienti essenziali di cui il nostro corpo ha bisogno.

  • Castagne: è uno dei frutti più amati, oltre che vero e proprio simbolo del periodo che stiamo attraversando. Ricche di vitamine (specialmente quelle del gruppo B), di proteine, fibre, potassio, ferro, calcio, magnesio e fosforo; sono utilissime per recuperare le energie perse e per combattere le anemie. Non sono invece adatte a coloro che soffrono di colon irritabile, diabete, colite ed aerofagia.
  • Mandarini: in questo periodo ecco spuntare i primi mandarini, che poi ci accompagneranno per molto tempo, nei prossimi mesi. Si tratta di un’ottima fonte di potassio, calcio, ferro, magnesio, vitamine C, A ed acido folico. Utilissimi per regolare le funzioni intestinali e per combattere i malanni di stagione; è inoltre un buon rilassante.
  • Kiwi: questo frutto esotico è una buona fonte di acqua, fibre, potassio e vitamina C. Si tratta di un buon antiossidante ed un toccasana per il nostro intestino, soprattutto per combattere la stipsi e colon irritabile.
  • Mele: il frutto più chiacchierato della storia è ricco di sali minerale, fibre e vitamine del gruppo B. Consigliata per rinforzare unghie e capelli e per combattere la stitichezza e la mancanza di appetito, la mela è ancora più salutare se la si mangia con la buccia, perché piena di sostanze nutritive. Questo frutto stimola la digestione e aiuta a stabilizzare l’acidità.

Durante il mese di ottobre rimangono disponibili cachi, melograni, pere ed uva. Oltre ai mandarini, iniziano a fare la loro prima comparsa alcuni agrumi come arance, mandaranci e pompelmi, che durante la stagione invernale e ci aiuteranno a resistere al freddo dell’inverno.

LEGGI ANCHE:

Cosa seminare a novembre nel nostro orto

Verdura di stagione: cosa mangiare a novembre