Fiera "Fà la cosa giusta", Milano (Shutterstock.com)

Dal 24 al 26 marzo una tre giorni di eventi, laboratori, incontri, presentazioni, degustazioni e spettacoli

Si svolgerà dal 24 al 26 marzo, a Milano, “Fà la cosa giusta!”, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili. Nata nel 2004 da un progetto della casa editrice “Terre di mezzo” ha la finalità di far conoscere e diffondere sul territorio nazionale le “buone pratiche” di consumo e produzione e di valorizzare le specificità e le eccellenze, in rete e in sinergia con il tessuto istituzionale, associativo e imprenditoriale locale. “Fà la cosa giusta!” è: una fiera di prodotti e servizi; una tre giorni di eventi, laboratori, incontri, presentazioni, degustazioni e spettacoli con più di 450 eventi nel programma culturale per tutte le fasce d’eta; un’occasione di convivialità e servizi, ma anche di relazione, formazione e scoperta per i volontari e le scuole.

Le aree tematiche

“Fà la cosa giusta!” è formata da 10 sezioni tematiche e spazi speciali che ogni anno approfondiscono i diversi aspetti della sostenibilità.

Abitare green: arredamento e complementi d’arredo eco-compatibili o del commercio equo e solidale, energia prodotta da fonti rinnovabili, bioedilizia, prodotti editoriali e stampa specializzata.

Area vegan: abbigliamento, accessori, cosmesi, alimentazione e stili di vita vegani.

Cosmesi naturale e biologica: prodotti per la bellezza, la cura del corpo e l’igiene personale e della casa realizzati con materie prime biologiche, naturali o provenienti dalla filiera del commercio equo.

Critical fashion: abbigliamento e accessori realizzati con materiali riciclati o di riuso, filati biologici o naturali, materie prime organiche, tinture vegetali, linee realizzate da realtà del commercio equo o all’interno di progetti sociali, in Italia e all’estero.

Il pianeta dei piccoli: abbigliamento, arredamento, giochi per l’infanzia eco-compatibili o del commercio equo e solidale, servizi per la cura del bambino.

Mangia come parli: prodotti provenienti da agricoltura biologica, biodinamica, a Km 0 o della filiera del commercio equo e solidale; prodotti riconosciuti presidio Slow Food, progetti a difesa della sovranità alimentare.

Pace e partecipazione: progetti di associazioni, distretti e reti, campagne, Ong, associazioni di tutela dei consumatori, sindacati, prodotti editoriali e stampa specializzata.

Servizi per la sostenibilità e mobilità: finanza etica, servizi sanitari e assicurativi solidali, tipografie ecologiche, vending, materiali compostabili, app e piattaforme sostenibili, progetti di economia circolare, servizi di consulenza. Biciclette, trasporto pubblico, car sharing, car pooling, veicoli ibridi e elettrici, prodotti editoriali e stampa specializzata.

Street food: cibo di strada realizzato con prodotti provenienti da agricoltura biologica, biodinamica, a Km 0; presidi Slow Food o della filiera del commercio equo e solidale.

Turismo consapevole e grandi cammini: proposte di viaggi attenti all’ambiente, ai diritti dei popoli e dei lavoratori, associazioni e istituzioni attive nella promozione e valorizzazione dei grandi itinerari storici e culturali, prodotti editoriali e stampa specializzata.