fiore escolzia
(shutterstock.com/Ackab Photography)

Quali sono le proprietà dell’escolzia? Scopriamole tutti e vediamo gli usi ed eventuali controindicazioni.

Appartenente alla famiglia delle Papaveraceae, l’escolzia è chiamata anche Papavero della California. Il motivo di tale nomignolo è semplice: appartiene alla stessa famiglia del papavero e ha grande diffusione nello stato californiano. Pensate che è il fiore ufficiale del Paese e che ogni anno, precisamente il 6 aprile, si festeggia con il Californian Poppy Day. Utilizzato come legume dagli indiani d’America e dai primi coloni del Nord America, in seguito è stata impiegata come rimedio naturale per contrastare le coliche intestinali e biliari, il mal di denti e le ulcerazioni.

Ad oggi, all’escolzia sono riconosciute virtù sedative, ipnoinducenti, antispasmodica e analgesica. Pertanto, è consigliata quando si hanno problemi di insonnia perché riduce il periodo dell’addormentamento e contribuisce ad una buona qualità del sonno, evitando i fastidiosi risvegli notturni. Agisce anche sull’attività cardiaca, abbassandone la pressione, e sul sistema nervoso centrale, contribuendo al rilassamento muscolare. Infine, grazie alle sue proprietà, l’escolzia è indicata anche in caso di: ansia, disturbi psicosomatici, irritabilità, sbalzi d’umore, dolori di natura psichica, nervosismo, mal di testa, spasmi colici e biliari e tosse.

Mal di testa
(shutterstock.com/andriano.cz)

Escolzia: usi e controindicazioni

L’escolzia si trova in commercio sia sotto forma di estratto secco che capsule/compresse e tintura madre. Per quel che riguarda la dose, questa cambia in base alla problematica che intendete contrastare. In ogni modo, fate sempre riferimento alle indicazioni dell’erborista o del medico di fiducia.

Per quel che riguarda le controindicazioni, l’escolzia è vietata ai bambini, in gravidanza e durante l’allattamento. Se avete problematiche cardiocircolatorie, inoltre, dovreste tenervene alla larga perché potrebbe influenzare l’attività del cuore. Infine, è sconsigliata a coloro che stanno seguendo una terapia con psicofarmaci, tranquillanti e sedativi, o antistaminici.