Ernia iatale
(shutterstock.com/Roman Samborskyi)

L’ernia iatale è un disturbo molto diffuso, che può avere diverse cause. Vediamo i sintomi, la cura e i rimedi naturali più efficaci.

L’ernia iatale è una patologia che interessa lo stomaco, causando la risalita di una sua porzione verso la cavità toracica, attraverso l’apertura sul diaframma che consente il passaggio dell’esofago. Anche se generalmente è asintomatica, ci sono alcuni disturbi che si manifestano maggiormente: reflusso acido, eruttazione e rigurgito di cibo. A questi sintomi, se ne aggiungono altri che compaiono meno frequentemente: extrasistole e tachicardia, soprattutto dopo i pasti, bruciori dietro allo sterno, alla gola, dolori toracici, tosse stizzosa, crisi asmatiche, bruciore di stomaco cronico, anemia e ulcere. Al momento, non esistono cause che determinano l’insorgere dell’ernia iatale, ma ci sono alcuni fattori che predispongono a questa patologia. Tra questi ci sono: obesità e sovrappeso, cattiva postura da seduti, tosse frequente, sollevamenti e sforzi, età avanzata e cattive abitudini, come il fumo.

Per diagnosticare la presenza di questo disturbo è necessario sottoporsi ad una radiografia dell’apparato digerente superiore oppure a un’endoscopia. Se avvertite uno dei sintomi sopra elencati, la prima cosa da fare è parlare con il medico, che vi indirizzerà al meglio.

Reflusso gastrico
(Shutterstock.com/Emily frost)

Ernia iatale: rimedi naturali e consigli della nonna

Combattere l’ernia iatale significa, innanzitutto, cambiare alcune cattive abitudini quotidiane. E’ fondamentale masticare con calma durante i pasti ed evitare le sostanze che aumentano il reflusso dell’acido nell’esofago. Vietati nicotina, caffeina, cioccolato, cibi ricchi di grassi, alcool e bevande gassate. Tra gli alimenti da inserire nella dieta, invece, ci sono: latte fermentato, kefir, yogurt naturale con probiotici, nespole, albicocche, frutti di bosco, papaia, asparagi, zucca gialla, patate dolci e mango. Inoltre, è bene fare pasti poco sostanziosi e frequenti, non consumando nulla almeno 3 ore prima di andare dormire. Quando siete pronti per gettarvi tra le braccia di Morfeo, ricordatevi di alzare il cuscino di circa 20-30 centimetri.

Dopo aver modificato lo stile di vita, si possono introdurre alcuni rimedi naturali che sembrano essere molto efficaci. Almeno 15 minuti prima dei pasti principali, potete assumere 20 gocce di estratto fluido di papaia diluite in 2 cucchiai di succo puro di mirtillo o di lampone. E’ valida anche l’arancia amara, nella stessa posologia, da mescolare con 2 cucchiai di frullato di sedano e carota. In alternativa, diluite 15 gocce di artemisia in due cucchiai di succo di mela oppure 30 gocce assolute di estratto fluido di achillea.

Altro alleato dell’ernia iatale, se assunto per brevi periodi e nelle dosi consigliate, è l’artiglio del diavolo, da prendere a stomaco pieno. Infine, potete optare per il fiore di Bach Sweet Chestnut, utilissimo quando si vuole raggiungere il benessere dello stomaco, anche in casi di reflusso e ulcera.