Cosa seminare a luglio
(Andrey_Popov/Shutterstock.com)

Scopriamo cosa è possibile seminare nei nostri orti e balconi nel mese di luglio, uno dei più caldi d’estate

Luglio è uno dei mesi più afosi dell’anno. Con l’aumento delle temperature, stare sotto al sole nelle ore più calde della giornata può diventare insopportabile. Lo stesso vale per le nostre piante, che mai come in questo periodo necessitano di un’attenzione particolare. Sarà quindi nostro compito evitare che il terreno si inaridisca o che le piante brucino sotto un sole cocente.

Nonostante tutto, questo è un mese che darà tante soddisfazioni, vista la varietà di ortaggi del periodo. Tuttavia è bene pensare anche all’autunno che arriverà e dunque seminare piantine adatte a donarci frutta e verdura quando l’estate sarà ormai conclusa. Per capire quando e cosa seminare a luglio nei nostri orti o nei vasi, dobbiamo tenere ben presente le fasi lunari. Sarà sulla base di queste infatti che sceglieremo cosa e quando piantare. Quest’anno, la fase calante della luna sarà dal 14 al 27 luglio, mentre la fase crescente dal 1 al 13 luglio e dal 28 a 31.

Tenendo presente questa indicazione, pianteremo nei periodi di luna crescente fagioli, fagiolini, ravanelli, sedano, prezzemolo, cavoli, radicchio e zucchine. Quando la luna sarà invece calante, sarà il momento di seminare barbabietole, bietole, cavoli, radicchio, cicoria, scarola, finocchi, carote, lattughe e rape, ma anche cavolfiori e porri.

Se non disponete di un orto, ma vi piacerebbe tanto poter coltivare ciò che vi piace, non preoccupatevi; alcune piante possono crescere tranquillamente anche sui vostri balconi, basterà piantare i semi in un vaso, in scatole o oggetti di recupero che possono, per l’occasione, trasformarsi in recipienti perfetti per le nostre piantine, tenendo ben presente le dimensioni di cui ha bisogno una pianta per svilupparsi. Se disponiamo di supporti abbastanza profondi, potremo seminare carote, rucola, ravanelli e prezzemolo. Anche pomodori, peperoni e peperoncini possono essere tranquillamente tenuti sui balconi; anzi li renderanno più allegri e colorati.